Dopo l'incidente nel quale è rimasta uccisa domenica scorsa a Cava d'Aliga, frazione balneare di Scicli, in provincia di Ragusa, a Martina Aprile qualcuno, forse uno sciacallo, ha portato via il cellulare, sul quale erano conservate foto e video di lei e di suo figlio, un bimbo disabile di 4 anni. È questa la denuncia fatta dalla mamma della giovane vittima, che ai microfoni di una tv locale ha anche lanciato un appello affinché chiunque si trovi in possesso di quello smartphone possa restituirglielo. L'apparecchio è infatti volato via nell'impatto con la Ford che l'ha travolta mentre andava a gettare la spazzatura al termine del turno di lavoro in un ristorante della zona.

"Su quel telefono ci sono tante foto di Martina con il suo bambino, per favore chi ce l'ha me lo restituisca", ha detto la donna, che vorrebbe recuperare almeno qualche ricordo di quella ragazza e del suo nipotino, che la notte dell'incidente si trovava a casa con lei. "Mia figlia ha fatto la fine di un cane, non ci sono altre parole da aggiungere. Stava solo gettando la spazzatura e ha trovato la morte", ha continuato. Intanto, mentre l'uomo alla guida dell'auto che ha travolto la 25enne, Carmelo Ferraro, si trova nel carcere di Ragusa con l'accusa di omicidio stradale aggravato, dopo che analisi mediche hanno confermato la presenza nel suo sangue di cocaina e metadone, a Cava d'Aliga è tutto pronto per il funerale di Martina. Le esequie si svolgeranno oggi, mercoledì 17 luglio, presso la chiesa di Santa Maria La Nova al termine del corteo funebre che partirà dalla casa della giovane alle ore 16.00, nello stesso giorno in cui la vicina Vittoria si appresta a dare l'ultimo saluto a Simone, l'11enne falciato sull'uscio di casa del nonno insieme al cuginetto Alessio, anche lui deceduto. Il comune ha anche proclamato il lutto cittadino.