29 Settembre 2021
11:25

“Quando penso di farla finita trovo sollievo”, lo strazio del padre di Chiara Gualzetti

Sono trascorsi tre mesi dalla scomparsa e la scoperta del brutale omicidio di Chiara Gualzetti. Oggi il padre non crede più nella giustizia e la moglie nella fede. Un dolore difficile da sostenere quello della morte di un figlio, ancora di più se l’assassino è un coetaneo che i coniugi conoscevano: “Deve avere l’ergastolo. Nonostante l’età, non è assolutamente recuperabile”.

Massacrati, devastati. Si sentono così Vincenzo e Giusi, i genitori di Chiara Gualzetti, dopo tre mesi dal brutale omicidio della figlia. “Vedersi ammazzare una figlia, è una cosa che non si riesce ad accettare”.

Sono trascorsi ormai tre mesi dalla scomparsa e dal ritrovamento del corpo senza vita di Chiara Gualzetti, la 15enne uccisa da un coetaneo, nel territorio di Valsamoggia, il 27 giugno scorso. I genitori, dal giorno della tragica scoperta non hanno mai smesso di chiedere giustizia. Oggi, però, Vincenzo nella dea bendata non ci crede più: “La legge in Italia fa schifo. Quando dico che il killer di mia figlia deve avere l’ergastolo, non lo dico perché sono il padre. Lo dico perché il soggetto non è assolutamente recuperabile”. Il dolore diventa sempre più grande, raccontano i genitori di Chiara, tanto da trovare un po’ di sollievo solo nel pensiero della loro morte: “Quando penso di farla finita, solo allora trovo pace”.

Nessuno darà indietro la piccola Chiara ai suoi genitori. Per questo Vincenzo e Giusi, come riportato dal Corriere di Bologna, chiedono che in Italia qualcosa cambi. È impensabile, secondo la coppia, che un ragazzino di appena 14 anni possa essere considerato responsabile di un incidente stradale, per fare un esempio, e invece ritenuto “un caso recuperabile” se a 15 premedita per dieci giorni e compie un omicidio efferato come quello di Chiara Gualzetti. Giusi, non riesce più a trovare conforto nella fede e al cimitero, a trovare la figlia, non ci va. Non ha ancora la forza. Vincenzo sì, perché crede. Crede che succeda tutto per una ragione, certo quella della morte di sua figlia, non l’ha ancora scoperta. A chi gli chiede cosa manchi di più di Chiara a tre mesi dalla sua scomparsa, risponde: “Tutto, tutto, tutto. Era speciale”.

Chiara Gualzetti aveva solo 15 anni e, dopo essere scomparsa in Valsamoggia il 27 giugno, è stata ritrovata il giorno dopo, in un bosco senza vita. Ferite inferte con arma da taglio alla gola e al torace. Un omicidio brutale e, come ha detto il padre, “per futili motivi”. Il responsabile, infatti, un ragazzo di 15 anni, ha raccontato di averlo fatto per dover mettere a tacere la voce di un demone: “È stato Samuel a dirmi di uccidere Chiara, l’ho fatto per calmarlo”. Chiara probabilmente si era invaghita del suo assassino e fidandosi per questa ragione, lo aveva seguito, trovando la morte. Il ragazzo lucido, freddo e assolutamente capace di intendere, ha dichiarato di averla uccisa perchè: “Con qualcuno dovevo farlo. Ho scelto lei perché mi stava sempre addosso. Mi aveva scocciato. Non la sopportavo più. Mi stancava”.

Il luogo in cui è stato ritrovato il corpo senza vita di Chiara Gualzetti
Il luogo in cui è stato ritrovato il corpo senza vita di Chiara Gualzetti
Chiara Gualzetti, killer capace di intendere e di volere per la perizia: "Il delitto era il suo show"
Chiara Gualzetti, killer capace di intendere e di volere per la perizia: "Il delitto era il suo show"
Omicidio Chiara Gualzetti: chiesto giudizio immediato per il 16enne reo confesso
Omicidio Chiara Gualzetti: chiesto giudizio immediato per il 16enne reo confesso
Killer di Chiara Gualzetti capace di intendere e di volere, l'avvocato: "Determinante per il processo"
Killer di Chiara Gualzetti capace di intendere e di volere, l'avvocato: "Determinante per il processo"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni