562 CONDIVISIONI
Don Francesco Spagnesi, il prete arrestato per droga
17 Settembre 2021
09:49

Prato, lasciò 230mila euro alla parrocchia: fondi prosciugati dal prete pusher don Spagnesi

Dal conto corrente della chiesa dell’Annunciazione alla Castellina, a Prato, mancherebbero decine di migliaia di euro, 40mila dei quali prelevati in appena due mesi: si tratta di soldi che potrebbero essere stati spesi dal parroco don Francesco Spagnesi, 40 anni, per l’acquisto di droga dello stupro e cocaina.
A cura di Davide Falcioni
562 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Don Francesco Spagnesi, il prete arrestato per droga

Dal conto corrente della chiesa dell'Annunciazione alla Castellina, a Prato, mancherebbero decine di migliaia di euro: si tratta di soldi che potrebbero essere stati spesi dal parroco don Francesco Spagnesi, 40 anni, per l'acquisto di droga, denaro che era stato accumulato grazie a donazioni e lasciti testamentari; uno di questi ammontava a 230mila euro, un gruzzolo molto consistente che tuttavia sarebbe stato eroso nel giro di pochi mesi.

Il prete nei giorni scorsi è stato arrestato dalla Squadra mobile e posto ai domiciliari  con l'accusa di spaccio internazionale di stupefacenti. In attesa dell'interrogatorio del sacerdote, che avverrà lunedì, gli inquirenti proseguono le indagini che contemplano da un lato gli episodi di cessione di stupefacenti nell'ambito di festini a base di droga e sesso organizzati dal prete assieme a un amico, Alessio Regina, finito anch'esso ai domiciliari, dall'altro gli ammanchi di cospicue somme prelevate dai conti della parrocchia. Soldi, come già emerso, presi anche dalle offerte dei fedeli, che sarebbero serviti per pagare partner reclutati su sito d'incontri, e per acquistare lo stupefacente, cocaina e anche ‘Gbl', la cosiddetta ‘droga dello stupro' che i due comprato in Olanda facendola arrivare tramite una spedizione via corriere. Agli atti dell'inchiesta ci sono anche intercettazioni tra don Spagnesi e il vescovo di Prato che, informato della situazione, avrebbe suggerito al sacerdote di prendersi un anno sabbatico adducendo motivi di salute "per non mettere in piazza tutto".

Dal conto della chiesa prelievi da 40mila euro in due mesi

Lunedì, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, don Francesco Spagnesi anche i prelievi dal conto della parrocchia. Il membro del Consiglio ‘affari economici' della parrocchia della Castellina – guidata fino pochi giorni fa dal prete – aveva infatti avvertito più volte "di aver notato ingenti ammanchi dal conto corrente e spese non giustificate". Fra le altre , come aveva avuto modo di scrivere a don Spagnesi su WhatsApp, "prelievi da 40 mila euro in soli due mesi" e "pagamenti presso Pos per 75 mila euro". "Ti volevo informare – scriveva il "tesoriere" della parrocchia – che sul conto corrente sono rimasti circa 120 mila euro. Tieni conto nel 2020 la parrocchia ha incassato oltre 200 mila euro solo dalle vendite degli appartamenti: con questo ritmo di prelievi il conto sarà azzerato prima della fine dell’anno". Dopo l'intervento del vescovo di Prato Giovanni Nerbini, che ad aprile gli aveva revocato il potere di firma per l'operatività bancaria, don Francesco aveva cominciato a rivolgersi ai parrocchiani con messaggi personali con richieste di soldi.

La lettera del vescovo ai fedeli e l'invito al perdono

Nel frattempo monsignor Giovanni Nerbini ha scritto una lettera indirizzata a tutti i fedeli e ai sacerdoti della diocesi e ha chiesto di darne lettura durante le celebrazioni che si terranno domenica nelle chiese della zona. Monsignore Nerbini ha deciso di inviare un messaggio "in questo momento difficilissimo della vita diocesana" per "capire cosa ci viene chiesto in questa difficile ora". L'invito è alla preghiera in casa e in famiglia. "Abbiamo assoluta necessità di vivere il Vangelo – scrive il vescovo – tutto, sempre, ovunque, nelle piccole cose come nelle grandi circostanze". Infine chiede di avere "un cuore pieno di misericordia, di amore e di perdono per tutti", perché "gli errori di qualcuno non possono e non debbono nascondere la verità oggettiva".

562 CONDIVISIONI
Prato, don Francesco Spagnesi arrestato per droga chiede il patteggiamento a 3 anni e 8 mesi
Prato, don Francesco Spagnesi arrestato per droga chiede il patteggiamento a 3 anni e 8 mesi
Don Francesco Spagnesi arrestato per droga inizia il percorso di recupero per tossicodipendenti
Don Francesco Spagnesi arrestato per droga inizia il percorso di recupero per tossicodipendenti
Don Francesco Spagnesi, il prete ai fedeli: "Servono soldi per i poveri, non posso prenderli alla chiesa"
Don Francesco Spagnesi, il prete ai fedeli: "Servono soldi per i poveri, non posso prenderli alla chiesa"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni