“Vogliamo fare in modo che in 30 giorni sia pronto il piano per avviare la fase della demolizione”: è quanto oggi, facendo riferimento al ponte Morandi di Genova, il governatore e commissario per l'emergenza Giovanni Toti. Toti ha parlato al termine della presentazione in Regione del piano di Società Autostrade per la demolizione del ponte Morandi, con il commissario e governatore anche il sindaco Marco Bucci. “Da quel momento – ha spiegato – servirà un giorno per abbattere il moncone est anche con l'uso di esplosivo e con la demolizione di circa 150 alloggi. Serviranno poi una ventina di giorni per togliere il moncone ovest con l'uso di gru e lo smontaggio pezzo per mezzo, senza alcun crollo due gru lo smonteranno in 20 giorni”.

La lettera di Toti a Conte per una legge ad hoc – Toti e Bucci hanno fatto sapere anche di aver scritto una lettera al premier Giuseppe Conte e al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti per “suggerire un provvedimento di legge ad hoc che non deve essere per forza una legge speciale per Genova, ma può essere messo nel prossimo Milleproroghe per andare oltre il primo decreto di emergenza che fissò i primi fondi per gli indennizzi e quindi per avere nuovi fondi”.

Autostrade pronta per demolizione e ricostruzione del ponte – “Oggi abbiamo presentato – nei tempi nei quali ci eravamo impegnati a farlo – una serie di opzioni di demolizione e di ricostruzione del viadotto Polcevera, che saranno in parte sovrapposte, confermando sostanzialmente i tempi già annunciati. In ogni caso i piani potranno diventare definitivi solo dopo l'accesso ai luoghi e richiederanno integrazioni e affinamenti sul piano architettonico, da condividere con le parti interessate”: lo ha spiegato l'amministratore delegato di Autostrade e Atlantia, Giovanni Castellucci, che ha aggiunto che su richiesta del Presidente della Regione hanno condiviso un'estensione della gratuità dei pedaggi nell'area genovese. “La riunione con il Presidente Toti e il Sindaco Bucci – ha detto ancora Castellucci – è stata molto costruttiva, come tutte le precedenti, e segna un passo in avanti importante e concreto per aiutare Genova ad affrontare le sue emergenze, nel profondo rispetto del dolore di tutte le famiglie colpite dalla tragedia e delle sofferenze dell'intera comunità genovese”.

Autostrade ha iniziato i rimborsi delle rate dei mutui – Autostrade ha anche iniziato i rimborsi delle rate dei mutui a favore dei cittadini genovesi residenti nella Zona Rossa. Lo ha fatto sapere la società, precisando che al momento circa 30 famiglie si sono rivolte per questo motivo ai due Punti di contatto. Il rimborso delle rate dei mutui da parte di Autostrade per l'Italia avviene in media nel giro di 24 ore dalla richiesta, come per i contributi versati alle famiglie di chi ha dovuto lasciare la propria casa, e viene effettuato dalla società con accredito sul conto corrente bancario o tramite assegno. I due Punti di contatto allestiti dalla società sono presso il Centro Sociale Buranello e la scuola Caffaro.