17.040 CONDIVISIONI
Opinioni
Il delitto di Cogne
8 Febbraio 2019
18:52

Perdoniamo Annamaria Franzoni

Annamaria Franzoni è una donna che un giorno è precipitata nel buio, vittima dei propri demoni e di se stessa. Oggi ha pagato il debito con la società ed è tornata legittimamente alla sua vita familiare. Lasciamola lì, dove è giusto che stia insieme ai suoi cari. E perdoniamola, perché forse lei non lo farà mai.
A cura di Angela Marino
17.040 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il delitto di Cogne

Dobbiamo perdonare Annamaria Franzoni . Dobbiamo lasciarla a se stessa, alla sua coscienza alla sua intimità familiare, a quello che resta di una vita spezzata da una tragedia. Si è confrontata con la società e la società, insieme al tribunale, l'ha condannata per le sue azioni tremende e brutali; l'ha additata, nonostante le sue proteste di innocenza, come la donna che ha fracassato la testa del piccolo Sammy, suo figlio. Perché è così che andata per  tre gradi di giudizio e un cospicuo numero di giudici che hanno lavorato fino alla sentenza definitiva, quella del 21 maggio 2008, quella che l'ha condannata a 16 anni di carcere per un delitto, è maturato in uno stato mentale e psicologico di forte stress.

Oggi quello stato psicologico non esiste più perché la detenuta Franzoni, incarcerata dal 2008, ci ha lavorato con dei professionisti, reclusa prima nel carcere di Bologna e poi, dal 2014, ristretta ai domiciliari a Ripoli. Certo è stata fortunata ha usufruito del beneficio di un lavoro esterno in una Coop sociale e dei permessi per vedere – tra le mura di casa – i due figli rimasti. Per stare con Davide, il maggiore e ‘testimone' di quel giorno infernale a Montroz e Gioele, il minore, il figlio nato dopo. I 16 anni sono diventati meno di 11 grazie a tre anni di indulto e ai giorni di liberazione anticipata legittimamente accumulati. Ed eccola di nuovo tra noi, Annamaria Franzoni, tornata in una comunità che la guarda con gelo e diffidenza. Che ha ancora voglia di prendersela con lei.

La Franzoni è stata insultata sui social network, fatta oggetto di scherno e meme, è stata definita ‘raccomandata' per il trattamento penitenziario e per la libertà anticipata. Che senso ha? Abbiamo già vissuto quell'orrore, abbiamo già dubitato, commentato, criticato e se prima aveva un senso, quello della riprovazione per quel sangue innocente versato, se prima aveva il senso  dell'ansia di giustizia, ora, no, non ce l'ha più. Annamaria Franzoni è una donna che un giorno è precipitata nel buio, vittima dei propri demoni e di se stessa. Non lo farà mai più, dice chi l'ha definita non socialmente pericolosa, probabilmente vivrà una vita tranquilla in seno alla sua famiglia. E perché non dovrebbe, ora? Quello che è accaduto nella villetta di Cogne è un mostro con cui si confronterà tutta la vita. Chi siamo noi per continuare a spingerla alla gogna? Perdoniamola, perché forse lei non lo farà mai.

17.040 CONDIVISIONI
Giornalista dal 2012, scrittrice. Per Fanpage.it mi occupo di cronaca nera nazionale. Ho lavorato al Corriere del Mezzogiorno e in alcuni quotidiani online occupandomi sempre di cronaca. Nel 2014, per Round Robin editore ho scritto il libro reportage sulle ecomafie, ‘C’era una volta il re Fiamma’.
28 contenuti su questa storia
Vent'anni fa il delitto di Cogne, l'ex procuratrice: "Anna Maria Franzoni colpevole, prove decisive"
Vent'anni fa il delitto di Cogne, l'ex procuratrice: "Anna Maria Franzoni colpevole, prove decisive"
Annamaria Franzoni torna a Cogne dopo 20 anni: Capodanno nella villetta in cui fu ucciso Samuele
Annamaria Franzoni torna a Cogne dopo 20 anni: Capodanno nella villetta in cui fu ucciso Samuele
Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni: "Turismo macabro nella villetta, ora basta"
Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni: "Turismo macabro nella villetta, ora basta"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni