107 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Perde l’equilibrio e fa volo di 300 metri: morto escursionista, testimoni l’hanno visto precipitare

Un escursionista di 69 anni, Giorgio Piccoli, dipendente del comune di Avio, è morto dopo essere precipitato per circa 300 metri durante una gita sul Monte Baldo. A dare l’allarme due testimoni che hanno visto quanto successo.
A cura di Ida Artiaco
107 CONDIVISIONI
Immagine

Tragedia ieri sul Monte Baldo, tra Trentino e Veneto. Un escursionista di 69 anni, Giorgio Piccoli, dipendente del comune di Avio, è morto dopo essere precipitato per circa 300 metri durante una gita.

La caduta mortale è avvenuta mentre, con piccozza e ramponi, Piccoli, dopo aver raggiunto cima Telegrafo, stava scendendo dal Vallone dell'Osanna, sul versante orientale del Baldo, uno dei canaloni più apprezzati dagli appassionati. In corso indagini per cercare di capire cosa sia effettivamente successo e perché l'uomo sia precipitato. Non si sa, infatti, se l'escursionista sia scivolato sulla neve tra le rocce dal sentiero delle Creste o se si trovasse nel canale.

A lanciare l'allarme ieri intorno alle 12.40 sono stati altri due escursionisti che stavano risalendo la cima e che hanno assistito alla caduta, finita sulle rocce. Individuato il punto attraverso le coordinate inviate da queste due persone, l'elicottero del 118 ha sbarcato a circa 1840 metri di quota il tecnico e l'équipe medica, che non hanno potuto che constatare il decesso della vittima.

La salma è quindi stata recuperata con il verricello, a 1.840 metri di quota, vicina ai cavi della teleferica del Rifugio Telegrafo, e trasportata a Caprino nel Veronese, dove attendevano i Carabinieri e dove è stato fatto arrivare il carro funebre.

Sotto choc la comunità locale di Avio. "Una grande persona – è stato il commento del sindaco, Ivano Fracchetti, come riporta Il Dolomiti – una grandissima perdita per la comunità che ha servito per circa 40 anni con professionalità, passione e impegno. L'amministrazione comunale e la comunità sono vicini ai familiari per questo lutto. È sempre stato un punto di riferimento per tutti, sempre presente nell'aiutare per qualsiasi esigenza dei cittadini".

107 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views