480 CONDIVISIONI
14 Maggio 2019
13:23

Per i medici c’erano poche speranze, ma lui esce dal coma e torna a scuola: la storia di Lorenzo

Lorenzo Mori è un ragazzo di diciassette anni che lo scorso anno, pochi giorni prima di Natale, ha avuto un brutto incidente in motorino a Verona. Entra in coma e i medici ai genitori spiegano che la sua vita è in bilico. Ma dopo cinque mesi il giovane pian piano si è risvegliato ed è tornato anche a scuola.
A cura di Susanna Picone
480 CONDIVISIONI

La vita di Lorenzo Mori, un ragazzo di diciassette anni, ha subito improvvisamente uno "stop" pochi giorni prima dello scorso Natale. Era il 20 dicembre 2018 quando il ragazzo ha avuto un terribile incidente andando a scuola in motorino. A Verona, all’incrocio tra via Da Mosto, viale Cristoforo Colombo e via Pancaldo, Lorenzo si è scontrato col suo motorino contro una Mercedes e, caduto dal mezzo, ha battuto violentemente la testa sull’asfalto. Portato in ospedale, i medici hanno spiegato ai suoi familiari che il danno cerebrale era molto grave così come i problemi respiratori. Lorenzo è in coma profondo e il quadro clinico non dà molte speranze. Per i medici è insomma impossibile parlare di percentuali di sopravvivenza. Lo scenario è così grave da convincere i genitori del diciassettenne a prendere una decisione molto importante: quella di donare gli organi del ragazzo se la situazione fosse precipitata. Tutti in famiglia, anche i due fratelli dell’adolescente, erano stati messi al corrente e si erano in qualche modo preparati al peggio. E invece le cose sono andate diversamente.

I genitori del 17enne: "Grazie a chi l’ha aiutato a riprendere tutto quello che aveva perso quella mattina" – A raccontare la storia di Lorenzo Mori è il quotidiano L’Arena, che riporta le parole dei genitori del ragazzo. Un ragazzo che non solo si è risvegliato dal coma ma è anche già tornato a scuola a quasi cinque mesi da quel terribile incidente. Contro ogni aspettativa e bollettino medico, quel diciassettenne dato quasi per spacciato sta meglio e può tornare alla sua vita. Per questo mamma Claudia e papà Nicola hanno voluto parlare del figlio, per raccontare – scrive L'Arena – “il bene sperimentato, il grande amore ricevuto in tutti questi mesi e per ringraziare chi, combattendo accanto a Lorenzo questa prova terribile, l’ha aiutato a riprendere tutto quello che aveva perso quella terribile mattina”.

480 CONDIVISIONI
Lorenzo, morto a 18 anni in fabbrica durante lo stage, la Scuola: "Sognava un futuro in quel lavoro"
Lorenzo, morto a 18 anni in fabbrica durante lo stage, la Scuola: "Sognava un futuro in quel lavoro"
Presidi preoccupati per rientro a scuola in presenza, ma governo conferma: "Si torna il 10 gennaio"
Presidi preoccupati per rientro a scuola in presenza, ma governo conferma: "Si torna il 10 gennaio"
Il ministro Bianchi: "Il 10 gennaio si torna a scuola in presenza, investiamo nel tracciamento"
Il ministro Bianchi: "Il 10 gennaio si torna a scuola in presenza, investiamo nel tracciamento"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni