1.132 CONDIVISIONI
21 Giugno 2021
15:29

Omogeneizzato scaduto nel 2019, bimbo finisce in ospedale. Il papà: “Mio figlio sta ancora male”

Dai controlli dei carabinieri di Trento è emersa una corrispondenza tra lo scontrino, in possesso dal papà del bimbo, e il codice a barre dell’omogeneizzato incriminato. Probabile che ora si muova la procura. E il piccolo ancora non si è ripreso: “Mangia poco, è molto pallido, ha gli occhi arrossati” racconta il padre. Il supermercato rassicura: “Da parte nostra esami sempre rigorosi sui prodotti, specialmente quelli per bimbi”.
A cura di Biagio Chiariello
1.132 CONDIVISIONI

Continua a tener banco il caso del bimbo ricoverato in ospedale dopo aver mangiato un omogeneizzato scaduto nel 2019. La pappa era stata acquistato il giorno prima, il 9 giugno scorso, in un supermercato di Trento. Il piccolo ha iniziato a piangere, vomitare e ad avere la dissenteria. I giovani genitori sono andati di corsa all'ospedale, al pronto soccorso il bimbo è stato immediatamente visitato dai medici che gli hanno somministrato dei medicinali. Ora è stato dimesso con una prognosi di 15 giorni, ma secondo il racconto del padre, Massimo, al Corriere della Sera non si sarebbe ancora ripreso: "Mangia poco, è molto pallido, ha gli occhi arrossati", racconta il papà. "Siamo sbiancati, non riuscivamo a crederci", ricorda in riferimento a quando ha letto la data di scadenza sull'omogeneizzato: 31 luglio 2019.

Le indagini sul caso dell'omogeneizzato

L'uomo ha già presentato denuncia: "Non voglio che accada ad altri", ha spiegato. Poche ore dopo l’arrivo della coppia al comando di Trento del nucleo antisofisticazione e sanità dell’Arma, i carabinieri erano già nel supermercato. I primi accertamenti pare abbiano confermato che la confezione di omogenizzato è stata acquistata proprio nel supermercato di Trento. Ci sarebbe infatti una corrispondenza tra lo scontrino, in possesso dal papà del bimbo, e il codice a barre del prodotto consumato. Ora i militari verificheranno la tracciabilità anche di altri prodotti per bambini nel negozio e hanno acquisito il referto medico.

Le parole dell'avvocato dei genitori del bimbo

I genitori si sono rivolti all'avvocato Claudio Tasin. “Mamma e papà ovviamente hanno avuto un grande spavento per quello che è successo al loro bimbo e la sua salute è la prima preoccupazione. Ora stiamo valutando se è il caso di fare una denuncia anche penale perché chi espone i prodotti deve fare molta attenzione”. In merito alle condizioni del piccolo l'avvocato spiega che “Ha ancora difficoltà a dormire e quello che è successo ha turbato la regolarità della sua quotidianità”.

Cosa dice il supermercato

Da parte il supermercato ha provato a rassicurare sul fatto che i controlli sono sempre stati rigorosi soprattutto sui prodotti per bambini. Qualcosa, però, deve essere andata storta. Saranno i carabinieri, che hanno segnalato il caso al sostituto procuratore di turno Giovanni Benelli, a verificarlo.

1.132 CONDIVISIONI
Il papà di Ludovica, morta a 2 anni con febbre a 41:
Il papà di Ludovica, morta a 2 anni con febbre a 41: "In ospedale mi dicevano che era tutto normale"
Come sta Diego, il bimbo unico sopravvissuto all'incidente in A14 in cui sono morti papà e fratelli
Come sta Diego, il bimbo unico sopravvissuto all'incidente in A14 in cui sono morti papà e fratelli
Torino, papà dona il tendine crociato del suo ginocchio al figlio di 14 anni
Torino, papà dona il tendine crociato del suo ginocchio al figlio di 14 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni