Ilenia Fabbri.
in foto: Ilenia Fabbri.

Non trova pace Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata il 6 febbraio scorso nella sua abitazione di via Corbara a Faenza, nel Ravennate. Nei giorni scorsi, infatti, sono stati rubati alcuni oggetti dalla sua tomba. È quanto denuncia via social network il compagna della donna, Stefano Tabanelli: "Vorrei ringraziare colui o colei – si legge nel post – che oggi nella tomba di Ilenia Fabbri la mia futura moglie ha asportato il cuore di ceramica, il gattino di ceramica, un cuoricino di legno, un piccolo vasetto a forma di anfora".

Tabanelli si rivolge poi direttamente al presunto ladro usando queste parole: "Vorrei dirti quanto sei testa di c*** e che fai proprio schifo, sei una persona di una tristezza incredibile non aggiungo altro". Per il delitto della 46enne, al momento si trovano in carcere il 53enne Pierluigi Barbieri, di origine cervese ma domiciliato nel Reggiano, sicario reo confesso, e il 54enne Claudio Nanni, ex marito della vittima e inquadrato dalla polizia quale mandante. Proprio l'ex marito di Ilenia lo avrebbe anche arruolato nella sua officina per un periodo, come lavoratore a nero. I due condividevano la passione per le moto e non solo. "L'unica preoccupazione – ha concluso Barbieri al termine della sua confessione – era per la figlia Arianna: non voleva che trovasse in casa il corpo della madre".

Solo ieri per evitare assembramenti e prevenire il rischio di cadute, era stata chiusa la buca che secondo il killer reo confesso era stata scavata a ottobre dall’ex marito della vittima per seppellirvi il trolley con il cadavere di Ilenia. La buca in questione, su indicazione di Barbieri, era stata individuata dalla polizia nei giorni scorsi dopo l’ultima confessione in Questura del 17 marzo.