146 CONDIVISIONI
Covid 19
17 Settembre 2021
09:26

Monitoraggio Iss: Rt e incidenza ancora in calo, lieve riduzione di ricoveri e terapie intensive 

Scende l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici che è stato pari a 0,85, in diminuzione rispetto alla settimana precedente. Scende anche l’incidenza dei casi ogni 100 mila abitanti che passa da 64 della scorsa settimana a 54 di quest’ultima. Questi i dati della bozza del monitoraggio settimanale sull’epidemia da Covid-19 all’esame della cabina di regia.
A cura di Susanna Picone
146 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Migliorano i dati che riguardano la pandemia di Coronavirus in Italia. Continua a scendere, nel periodo 25 agosto – 7 settembre 2021, l’indice Rt medio calcolato sui casi sintomatici che è stato pari a 0,85 (range 0,83 – 0,95), in diminuzione rispetto alla settimana scorsa quando il valore era pari a 0,92. Migliora anche il dato sull'incidenza dei casi ogni 100.000 abitanti, uno degli indicatori più significativi, che passa, nel valore nazionale, da 64 della scorsa settimana a 54 di quest'ultima. Questi i primi dati che emergono dalla bozza del monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) e ministero Salute all'esame della cabina di regia che verrà illustrato oggi.

Si segnala anche una lieve riduzione di ricoveri e terapie intensive Covid. Il tasso di occupazione in terapia intensiva dei positivi al Coronavirus è al 6,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in diminuzione da 563 (7/09/2021) a 554 (14/09/2021). Il valore nella scheda sugli indicatori decisionali che accompagna il monitoraggio settimanale, aggiornato al 14 settembre, vede un valore ancora più basso: 5,8. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale diminuisce al7,2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree scende da 4.307 (7/09/2021) a 4.165 (14/09/2021).

Sono quattro le Regioni/Province autonome ora a rischio moderato: Abruzzo, Molise, Provincia autonoma di Bolzano e Provincia autonoma di Trento. La settimana scorsa erano 3. Le restanti Regioni/Province autonome classificate a rischio basso. Solo la Provincia autonoma di Bolzano riporta un'allerta di resilienza.

Dalla bozza del monitoraggio emerge anche che la circolazione della variante Delta resta prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell'Unione Europea e associata a un aumento nel numero di positivi anche in Paesi con alta copertura vaccinale

146 CONDIVISIONI
27586 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni