Obbligo di mascherina fino al 15 agosto in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico, dai treni ai negozi. Ma è già in cantiere, anche se nessuna decisione sarebbe stata ancora presa, una nuova proroga. A quanto si apprende da fonti di governo, il dpcm della prossima settimana dovrebbe confermare nella sostanza le linee guida ad oggi in vigore e viene sin da subito dato per scontato il rinnovo dell’obbligo delle mascherine per il contenimento del contagio. L'ordinanza adottata ieri dal ministro della Salute, Roberto Speranza, conferma l'obbligo di mascherina “nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza”. L'obbligo non si applica ai bambini con meno di sei anni o ai disabili. Resta anche il distanziamento sociale, con il mantenimento di un metro tra le persone sui mezzi di trasporto e nei luoghi aperti al pubblico.

Mascherina, la situazione in Lombardia

In Lombardia è stata firmata una nuova ordinanza regionale per le regole da seguire nella terza fase dell’epidemia Covid: l’ha firmata il presidente Attilio Fontana ed è in vigore dal primo agosto al 10 settembre. A partire dal fatto che rimane l’obbligo di portare la mascherina al chiuso, mentre all’aperto va messa solo se non ci sono le distanze necessarie tra persone, almeno un metro. “È comunque indispensabile averla sempre con sé e indossarla anche sui mezzi di trasporto pubblico”. Sui luoghi di lavoro resta l’obbligo di misurazione della temperatura per il datore e per i dipendenti, così come per i clienti dei ristoranti. Se dovesse risultare superiore a 37,5°, non è “consentito l’accesso alla sede e l’interessato sarà informato della necessità di contattare il proprio medico curante”. Norme anche per i trasporti: “È sempre obbligatorio indossare la mascherina o indumenti idonei a coprire naso e bocca”.