Ancora allerta maltempo sull’Italia dove nelle prossime ore assisteremo a ulteriori fenomeni meteorologici intensi su molte zone del Paese. Nubifragi e temporali infatti imperverseranno anche per la giornata di domani, giovedì 3 dicembre, in particolare al centro sud, tanto da spingere il Dipartimento della Protezione Civile a emettere un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse per sette regioni. Per giovedì decretata quindi una allerta Arancione di moderata criticità per diversi settori di Sicilia e Campania e una allerta gialla di ordinaria criticità per i restanti settori delle due regioni e per Calabria, Basilicata, Molise, Puglia, Abruzzo e Umbria.

Maltempo giovedì 3 dicembre, allerta gialla su otto regioni

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, giovedì 3 dicembre, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Campania. Le precipitazioni si estenderanno poi alla Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia. Nel dettaglio, sulla base delle previsioni meteo disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le regioni coinvolte, ha emesso per giovedì 3 dicembre un avviso di allerta Arancione per rischio temporali e rischio idraulico sulla Sicilia orientale e una allerta arancione per rischio idrogeologico per le stesse zone dell’Isola e per la Campania dove l’allarme durerà fino alle 18 di domani. Decretata invece una allerta gialla per rischio Idraulico e rischio temporali sulle restanti zone della Sicilia, sulla Calabria, sul Molise e sulla Puglia. Infine è allerta gialla per rischio idrogeologico su Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania Molise, Puglia, Sicilia e Umbria.

Rischio idrogeologico per maltempo

Per queste regioni infatti, sulla base dei fenomeni previsti e in atto, sono attese precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità che in territori già pesantemente colpiti dal maltempo nelle scorse ore potrebbero dare vita a eventi franosi, dovuti alla saturazione dei terreni. Tali fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.