Avevano 67 e 61 anni, Donato e Antonio Ferraro, due fratelli di Montesano Salentino, in provincia di Lecce, uccisi dal Covid 19 a distanza di cinque giorni l'uno dall'altro. Una tragedia che ha sconvolto tutta la comunità del comune pugliese e lasciato una madre ultranovantenne in preda ad un dolore inenarrabile. Come riporta Lecce Prima, per l’anziana e il terzo fratello – positivi, ma fortunatamente asintomatici – allo sconforto per la perdita dei loro strettissimi familiari, si aggiunge anche l'amarezza legata all’impossibilità di poter dare loro un ultimo, definitivo saluto.

Il primo ad andarsene è stato Donato, di 67 anni, che ha smesso di lottare contro il Coronavirus la scorsa settimana: era stato ricoverato nella giornata di sabato, ma mercoledì 14 aprile  è spirato nell’ospedale “Santa Caterina Novella” di Galatina. Il cuore di Antonio ha invece cessato di battere nella serata di ieri, al Dea del Vito Fazzi di Lecce dove ormai si trovava da un paio di settimane. I fratelli Ferraro sono noti alla piccola comunità di Montesano Salentino. Per i residenti del comune del Capo di Leuca era parte della quotidianità vedere per esempio Antonio aggirarsi dalle parti del monumento del calvario.

"Dopo Donato, oggi purtroppo è venuto a mancare anche il fratello Antonio. Il Covid ci porta via ancora una volta un nostro concittadino fragile. Con profondo dolore lo ricordiamo ed esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra sincera vicinanza ai famigliari”, hanno scritto gli esponenti del municipio di Montesano Salentino, unendosi ai tantissimi messaggi di cordoglio che, in queste ore, hanno invaso Facebook con pensieri di vicinanza e solidarietà per la sfortunata famiglia.