175 CONDIVISIONI
27 Ottobre 2022
17:00

La storia di Alessandra Musarra, dal femminicidio per soffocamento all’ergastolo di Cristian Ioppolo

Alessandra Musarra, 29 anni, viene uccisa la sera del 6 marzo 2019 nella sua casa di Messina dal fidanzato Cristian Ioppolo. Il 26enne, condannato in appello all’ergastolo, l’ha picchiata e soffocata.
A cura di Chiara Ammendola
175 CONDIVISIONI
Alessandra Musarra (a sinistra) e il suo assassino Cristian Ioppolo (a destra)
Alessandra Musarra (a sinistra) e il suo assassino Cristian Ioppolo (a destra)

La mattina del 7 marzo 2019 Alessandra Immacolata Musarra viene trovata morta nel suo appartamento al rione Santa Lucia sopra Contesse di Messina. A scoprire il cadavere è il padre preoccupato perché la figlia 29enne non risponde più al telefono. Alessandra è stata picchiata e poi soffocata dal suo fidanzato, Cristian Ioppolo, 26 anni, che viene arrestato poco dopo, non prima di aver cercato di sviare le indagini accusando l'ex compagno della vittima. Il 27 maggio 2022 la Corte d'Appello di Messina conferma per la condanna all'ergastolo.‍

Chi era Alessandra Immacolata Musarra, la giovane donna uccisa a Messina

Alessandra Immacolata Musarra ha 29 anni quando viene uccisa dal fidanzato Cristian. Aiuta la madre nel locale di Kebab alle spalle del Duomo di Messina ma da qualche tempo non lavorava più. Dopo un periodo difficile ha infatti incontrato Cristian al quale sembra rivolgere ogni sua attenzione. Con il fidanzato, di tre anni più giovane, ha però un rapporto burrascoso dovuto principalmente alle reazioni, spesso violente, sia fisicamente che verbalmente, da parte di Ioppolo. Convivono in un appartamento a Santa Lucia Sopra Contesse, frazione della città di Messina.

Alessandra Musarra (Facebook)
Alessandra Musarra (Facebook)

Chi è Cristian Ioppolo, l'ex fidanzato di Alessandra che la uccise per gelosia

Cristian Ioppolo, 26 anni, è originario di Messina. Inizia la sua storia d'amore con Alessandra un anno prima dell'omicidio: il loro rapporto però si incrina quasi subito, a causa della gelosia di quest'ultimo. Il 26enne è taciturno, non ha molti amici e trascorre le giornate da solo o in compagnia di Alessandra, è disoccupato ma non cerca un lavoro, ogni tanto aiuta la famiglia portando le pecore al pascolo. Le difficoltà economiche dei due influiscono negativamente nel loro rapporto.

Le violenze e le discussioni a causa della gelosia

Il problema principale però è che Cristian è geloso, lo è in maniera ossessiva nei confronti di Alessandra e spesso le sue reazioni sono piuttosto violente. Qualche volta intervengono pure intervenuti i carabinieri: nell'ultimo periodo in particolare il 26enne è ossessionato da un ex ragazzo della compagna col quale teme ci sia stato un riavvicinamento. Comportamenti ossessivi che esasperano Alessandra che decide così di mettere fine alla loro relazione.

Alessandra Musarra e Cristiana Ioppolo (foto Facebook)
Alessandra Musarra e Cristiana Ioppolo (foto Facebook)

L'omicidio di Alessandra e il tentativo di depistare le indagini con un sms

Il femminicidio di Alessandra avviene la sera del 6 marzo 2019. I due sono a casa quando scoppia una lite, l'ennesima, probabilmente perché Cristian non accetta la fine della loro storia e accusa la ormai ex compagna di averlo lasciato per un altro. Il 26enne a un certo punto si scaglia contro Alessandra che aggredisce con calci e pugni, accanendosi sul viso, fino a metterle le mani alla gola per soffocarla, infine la uccide. I pm parlano, durante la requisitoria in tribunale, di una violenza inaudita.

Il tempo passa. Sono le 2 di notte quando Cristian, con estrema lucidità, invia col telefono di Alessandra, un messaggio ai genitori ai quali dice di essere stata presa in ostaggio dall'ex fidanzato. Un modo per sviare le indagini, ma che non sortisce il suo effetto: il malcapitato viene interrogato risultando estraneo ai fatti. A quel punto gli inquirenti si concentrano proprio su Ioppolo che viene così arrestato.

Il ritrovamento del cadavere da parte del padre di Alessandra Immacolata Musarra

Il cadavere di Alessandra viene ritrovato la mattina del 7 marzo dal padre che preoccupato dopo aver ricevuto il messaggio dalla figlia, prova a contattarla. Non ricevendo risposta decide di raggiungere l'abitazione della vittima dove fa la macabra scoperta. Alessandra è a terra, ormai senza vita, col volto tumefatto.

Cristian Ioppolo (foto Facebook)
Cristian Ioppolo (foto Facebook)

Le indagini e l'autopsia sul cadavere

Inizialmente Cristian nega qualsiasi coinvolgimento nell'omicidio della fidanzata spiegando di non ricordare nulla di quella notte, se non l'inizio della colluttazione. La versione non convince gli inquirenti che vanno avanti con le proprie indagini. Secondo il giudice per le indagini preliminari che lo interroga dopo l'arresto la sua amnesia è soltanto una strategia.

A chiarire ogni dubbio è l'autopsia sul corpo di Alessandra che, nel luglio 2019, stabilisce che la 29enne è stata strozzata, la morte è sopraggiunta "per asfissia meccanica violenta da strozzamento con segni anche di soffocazione, ed escludono altre dinamiche letifere". La ventinovenne inoltre presenta lesioni a due vertebre cervicali causate dal pestaggio.

Le dichiarazioni della sorella Chiara Musarra

Chiara, la sorella di Alessandra, alle porte del processo d'Appello, decide di rompere il silenzio e ricordare la 29enne puntando il dito contro la richiesta della difesa: “È impossibile dimenticare, ogni giorno è difficile. E poi, pare che questa storia non debba mai finire – le sue parole – pensavamo che almeno giustizia fosse fatta, invece l’ultima udienza ci ha lasciati spiazzati. E’ impossibile per noi pensare che Alessandra non possa avere giustizia, che a noi non venga concesso di trovare pace”, spiega.

Alessandra Musarra e Cristian Ioppolo
Alessandra Musarra e Cristian Ioppolo

La confessione del fidanzato Cristian Ioppolo

Intanto gli inquirenti continuano le indagini. Viene perquisita casa di Cristian Ioppolo, al rione Camaro, e lì, nel vano lavanderia, gli agenti trovano gli abiti sporchi di sangue. Nel mese di ottobre vengono chiuse le indagini e Ioppolo viene considerato l'unico responsabile del pestaggio che ha causato la morte di Alessandra: deve rispondere del reato di omicidio volontario aggravato dalla relazione affettiva e dalla stabile convivenza.‍‍

Il processo e la condanna all'ergastolo di Cristian Ioppolo

Il 28 gennaio 2020 Ioppolo viene rinviato a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Messina. Il 18 giugno 2021 viene condannato dalla Corte d'Assise di Messina alla pena dell'ergastolo, confermata il 27 maggio 2022 dalla Corte d'Appello che respinge così la riduzione della condanna a 24 anni.‍ Cristian Ioppolo è condannato anche al risarcimento dei familiari della vittima: 20mila a ciascuno dei due fratelli; 80mila a padre e madre.

175 CONDIVISIONI
"Io non voglio morire", i messaggi di Alessandra Matteuzzi alla madre dell'ex e a un poliziotto
Chi è Alfredo Cospito e perché l'anarchico è detenuto al 41 bis
Chi è Alfredo Cospito e perché l'anarchico è detenuto al 41 bis
Paolo Borsellino avrebbe compiuto 83 anni. Non smetteremo mai di raccontare il suo coraggio
Paolo Borsellino avrebbe compiuto 83 anni. Non smetteremo mai di raccontare il suo coraggio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni