1.661 CONDIVISIONI

Genova, bambina di pochi giorni lasciata nella culla della vita

Una bimba di pochi giorni di vita è stata lasciata nella culla della vita dell’ospedale, struttura concepita appositamente per permettere di lasciare in condizioni di sicurezza i neonati da parte delle mamme in difficoltà nel pieno rispetto sia del piccolo che della riservatezza di chi lo deposita.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
1.661 CONDIVISIONI
Immagine

Una bimba di pochi giorni di vita è stata lasciata nella culla della vita dell'ospedale Villa Scassi di Genova, struttura concepita appositamente per permettere di lasciare in condizioni di sicurezza i neonati da parte delle mamme in difficoltà nel pieno rispetto sia del piccolo che della riservatezza di chi lo deposita. Il campanello che segnala la presenza di un neonato nella culla è stato suonato ieri sera, dando così l'allarme al reparto di neonatologia. È la prima volta che accade dal 2008, anno in cui i Lions di Genova donarono la culla della vita all'ospedale (un'altra è all'ospedale Galliera).

A raccontare quello che è accaduto è il Secolo XIX. La piccola sta bene, pesa due chili e 900 grammi, tutti i parametri vitali sono regolari: è stata messa insieme agli altri bimbi che si trovavano in reparto. La bambina piangeva, ma appena il medico l'ha presa in braccio si è tranquillizzata. Un'infermiera le ha dato da mangiare, l'ha cambiata e l'ha messa a dormire. La donna che si è presa cura della bimba nelle ultime quarantotto ore lo ha fatto con amore materno, come testimoniano i quattro pannolini lasciati nella culla, come a dire di più non posso fare per lei. "È una storia a lieto fine – spiega il primario Vallarino -. Fino a che il giudice non deciderà a chi affidarla la terremo noi in reparto e la coccoleremo. Devo ringraziare chi ce l'ha consegnata perché lo ha fatto nel modo migliore possibile. Ha fatto un sacrificio per dare un'esistenza migliore alla piccola. È tutto molto commovente". La Direzione sanitaria ha segnalato il caso alla Procura che avvierà il procedimento di adottabilità della piccola. "Non so se la piccina avrà una nuova famiglia oppure se la mamma ci ripenserà, ma posso dire che ha fatto un grande gesto d'amore". A quanto pare qualcuno, poco prima di mezzanotte, avrebbe anche chiamato l'ospedale per sincerarsi che tutto fosse andato bene.

1.661 CONDIVISIONI
Sofia morta a 23 anni per rara malattia, una strada per lei a Genova: "Ha smosso migliaia di persone"
Sofia morta a 23 anni per rara malattia, una strada per lei a Genova: "Ha smosso migliaia di persone"
Omicidio Sarah Scazzi, Michele Misseri libero fra pochi giorni. Il sindaco: “No a turismo del macabro”
Omicidio Sarah Scazzi, Michele Misseri libero fra pochi giorni. Il sindaco: “No a turismo del macabro”
Zelensky nel giorno del secondo anniversario dell'invasione russa: “Vinceremo, combattiamo per questo”
Zelensky nel giorno del secondo anniversario dell'invasione russa: “Vinceremo, combattiamo per questo”
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views