0 CONDIVISIONI

Escursionisti uccisi dalla frana a Formazza, il padre di Matteo: “Non faceva mai scelte azzardate”

In Val Formazza, nel Piemonte, il 24 settembre una frana ha travolto e ucciso due giovani escursionisti. I due amici erano soliti scalare le vette: “Non era imprudente, amava la montagna ed era sempre attento e scrupoloso” ha dichiarato il papà di Matteo Barcellini, una delle vittime della tragedia.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
0 CONDIVISIONI
Dal profilo Facebook di Matteo Barcellini e Marilena Bertoletti
Dal profilo Facebook di Matteo Barcellini e Marilena Bertoletti

Nel tardo pomeriggio del 24 settembre, in Val Formazza, nella provincia piemontese di Verbano-Cusio-Ossola, una frana ha travolto due giovani escursionisti uccidendoli. Matteo Barcellini, un ragazzo di 35 anni di Borgomanero, e Marilena Bertoletti, 31enne di Nebbiuno, sono le due vittime della tragedia avvenuta in alta quota.

Il corpo della giovane escursionista è stato individuato da un cane impiegato nelle ricerche sul posto e recuperato dalla squadra del soccorso alpino impegnata nelle operazioni di salvataggio. Quello del ragazzo, invece, è stato rintracciato poco lontano dal corpo della donna grazie all'utilizzo di un drone.

“Non era imprudente, non faceva mai scelte azzardate" ha detto Elio Barcellini, padre di Matteo, ricordando: "La montagna era la sua grande passione, è sempre stato scrupoloso e attento". Il giovane escursionista era titolare di un'impresa agricola a Santa Cristina di Borgomanero, nel Novarese, mentre la sua amica fino a pochi mesi fa, lavorava come dipendente della Herno, nota azienda di alta moda.

Entrambi erano grandi appassionati di montagna e soliti partire per escursioni sulle vette: proprio domenica mattina avevano deciso di dirigersi a Ossola per raggiungere Val Formazza. I due sarebbero dovuti arrivare in vetta al Blinnenhorn intorno all'ora di pranzo e durante la scalata avevano inviato anche un breve video a un conoscente, per poi sparire nel nulla.

L'area interessata dalla tragedia è situata al di sotto del rifugio Città di Busto, a 2.480 metri di altitudine, nel comune di Formazza. L'allarme è stato lanciato alle 17 grazie a una telefonata che ha fatto scattare immediatamente le ricerche: il soccorso alpino, finanzieri e diversi volontari hanno raggiunto la zona della frana, con non poche difficoltà a causa delle continue scariche di detriti, e sono riusciti a individuare le tracce degli escursionisti.

0 CONDIVISIONI
Strage di Altavilla Milicia, il santone citato dal padre killer: "Mai conosciuto, lo avremmo aiutato"
Strage di Altavilla Milicia, il santone citato dal padre killer: "Mai conosciuto, lo avremmo aiutato"
Uccise i due badanti del padre per vendetta: la Cassazione conferma l'ergastolo per Giampiero Riccioli
Uccise i due badanti del padre per vendetta: la Cassazione conferma l'ergastolo per Giampiero Riccioli
“Roba da baci Perugina”: Elena Cecchettin contro il monologo degli attori di Mare fuori a Sanremo
“Roba da baci Perugina”: Elena Cecchettin contro il monologo degli attori di Mare fuori a Sanremo
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views