231 CONDIVISIONI
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce
10 Dicembre 2020
11:14

Delitto di Lecce, isolamento finito per il killer: “Ora va protetto dagli altri detenuti”

L’infermiere che lo scorso settembre ha assassinato Eleonora Manta e Daniele De Santis è stato trasferito in una cella singola, nella sezione reati contro la persona del carcere di Borgo San Nicola, dopo un lungo periodo di isolamento. Anche se si tratta di una cella non condivisa sarà necessario predisporre delle misure per proteggerlo da eventuali aggressioni da parte di altri detenuti, negli spazi comuni.
A cura di Angela Marino
231 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce

L'infermiere che lo scorso settembre ha assassinato Eleonora Manta e Daniele De Santis è stato trasferito in una cella singola, nella sezione reati contro la persona del carcere di Borgo San Nicola, dopo un lungo periodo di isolamento. Anche se si tratta di una cella non condivisa, come hanno fatto sapere dal carcere, sarà necessario predisporre delle misure per proteggerlo da eventuali aggressioni da parte di altri detenuti. Nonostante il procuratore capo Leonardo Leone De Castris e il sostituto procuratore Maria Consolata Moschettini avessero dato l'ok al trasferimento, già diverso tempo fa, la nuova sistemazione è stata predisposta dalla Direzione penitenziaria solo pochi giorni fa.

Oltre alle misure di prevenzione anti-Covid, l'isolamento era stato deciso dopo che, al suo ingresso in carcere, gli psichiatri avevano ravvisato per lui un alto rischio di comportamenti autolesionistici. Si temeva, insomma, che potesse farsi del male o addirittura togliersi la vita. Continuano, intanto, i colloqui in carcere con i consulenti di parte, gli psichiatri Elio Serra e Felice Carabellese. Quando avranno depositato la consulenza, i legali stabiliranno se avanzare al gip, la richiesta di perizia psichiatrica.

I fatti che lo hanno portato in carcere lo scorso settembre sono avvenuti nell'appartamento al civico 2 di via Montello. Si tratta proprio della casa in cui De Marco aveva abitato come affittuario di una stanza nei mesi che avevano preceduto la pandemia e lo scorso agosto. Una stanza, che De Marco aveva affittato per raggiungere agevolmente il Policlinico dove svolgeva il tirocinio in Scienze Infermieristiche.  Durante il periodo di convivenza con Daniele De Santis, arbitro e con Eleonora Manta, presente nel weekend nella casa condivisa, De Marco avrebbe maturato il piano omicida.

231 CONDIVISIONI
Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l'assassino di Daniele ed Eleonora
Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l'assassino di Daniele ed Eleonora
Omicidio Eleonora e Daniele, avvocati familiari vittime: “Ergastolo giusto, ma non è una vittoria”
Omicidio Eleonora e Daniele, avvocati familiari vittime: “Ergastolo giusto, ma non è una vittoria”
Fidanzati uccisi, le lacrime della mamma di Eleonora.
Fidanzati uccisi, le lacrime della mamma di Eleonora. "Sentenza non riempirà vuoto"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni