Homade, uomo di 65 anni, è rimasto in acqua per sei giorni prima di essere trovato e salvato. Il pescatore è stato soccorso mentre galleggiava su una cassa di legno, da solo in mezzo al mare del Kalimantan meridionale. L'anziano risiede a Hilir Muara Kota Baru, in Indonesia. Sei giorni prima, era uscito per andare a pescare ma non aveva più fatto ritorno.

Il giorno della sparizione, il pescatore stava cercando di districare delle reti. Così facendo, la barca si è ribaltata e lui è finito in acqua, riuscendo però a liberarsi dall'imbarcazione. A quel punto, ha trascinato con sé una cassa di legno per conservare il pescato e poi la corrente lo ha spinto al largo dell'Oceano, dove è stato individuato mentre erano in corso le ricerche che ormai sembravano essere inutili.

A rinvenite il 65enne sono stati alcuni pescatori con le loro imbarcazioni nelle acque di Senipah. Hamade è stato soccorso e poi rimandato nel suo villaggio, assistito dalla Marina Balikpapan che lo ha riportato a casa sano e salvo.

Casi simili in Indonesia

Le acque dell'Indonesia non sono certo docili. Quest'estate, una barca da pesca si è capovolta nei pressi di Kupang con 28 persone a bordo. Sul posto sono immediatamente arrivate altre piccole imbarcazioni che sono riuscite a trarre in salvo 19 persone rimaste in balia del mare. Due vittime accertate erano minori. La nave, progettata per trasportare circa 15 persone, si è capovolta per via del vento forte e dell'instabilità dovuta al troppo peso.