2.477 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Febbraio 2020
20:06

Primo caso di Coronavirus in Alto Adige: è un giovane che inizialmente era risultato negativo al test

In Trentino erano già stati registrati tre casi di coronavirus: si tratta di cittadini lombardi in vacanza nella Regione del Nord Italia, ma il caso interessava la provincia autonoma di Trento: ora il contagio si sarebbe esteso all’Alto Adige. Si tratterebbe di un giovane che in un primo momento era risultato negativo al test.
A cura di Annalisa Girardi
2.477 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Si è registrato un primo caso di positività al coronavirus in Alto Adige: si tratterebbe di un giovane che in un primo momento era risultato negativo al test. È stata convocata una conferenza stampa nella sede della sede della Protezione Civile di Bolzano per comunicare ufficialmente tutti gli aggiornamenti. In Trentino erano già stati registrati tre casi di coronavirus: si tratta di cittadini lombardi in vacanza nella Regione del Nord Italia. La famiglia era arrivata dalla Lombardia venerdì pomeriggio: proveniva nello specifico da una zona focolaio del Sars-Cov-2 . Il caso interessava la provincia autonoma di Trento: ora il contagio si sarebbe esteso all'Alto Adige. La Provincia ritiene il contagio "altamente probabile" e attende riscontri dall'Istituto superiore di Sanità: il giovane ha passato un periodo di tempo in una zona a rischio della Lombardia

Salgono invece a 19 i casi positivi al coronavirus in Emilia Romagna. L'ultimo contagio riguarderebbe un operatore sanitario dell'ospedale di Piacenza che sarebbe entrato in contatto con un paziente proveniente da Lodigiano. Le persone risultate positive al tampone nella Regione sono a Piacenza (16), a Parma (2) e a Modena (1): sarebbero tutti riconducibili al focolaio lombardo.

Oggi il capo della Protezione civile e commissario straordinario all'emergenza, Angelo Borrelli, in conferenza stampa aveva confermato 222 casi accertati di contagio. "Alle ore 18 abbiamo registrato 222 persone contagiate. Di queste, sei decedute e una è stata dimessa", aveva spiegato il commissario confermando anche che i focolai al momento sono due, uno in Lombardia e l'altro in Veneto, ma che non sarebbe ancora chiaro se fra questi ci sia o meno un collegamento. "I dati registrati in Italia e nel resto del mondo sono contenuti in numeri ragionevoli e non sono tali da registrare il mutamento di tipologia da epidemia in pandemia", aveva poi precisato Borrelli.

"Si conferma che tutti i avevano patologie pregresse", aveva aggiunto il commissario parlando dei decessi. Sui casi più gravi, l'assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, aveva specificato: "In terapia intensiva c'è il 10% delle persone positive al Coronavirus (in Lombardia, ndr)".

2.477 CONDIVISIONI
28371 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni