75.271 CONDIVISIONI
Coronavirus
9 Marzo 2020
19:50

Il bimbo di un anno risultato positivo al Coronavirus e ricoverato ad Aosta è tornato a casa

Buone notizie in merito all’emergenza coronavirus dalla Valle d’Aosta: il bambino di un anno risultato positivo al coronavirus e ricoverato all’ospedale Parini da sabato scorso è tornato a casa. I dati forniti questa sera dall’Unità di crisi della Valle d’Aosta sono rincuoranti e confermano solo un nuovo caso rispetto a ieri.
A cura di Annalisa Girardi
75.271 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il bambino di un anno risultato positivo al coronavirus e ricoverato ad Aosta è tornato a casa: era ricoverato con i sintomi del Sars-Cov-2 da sabato scorso. I dati forniti questa sera dall'Unità di crisi della Valle d'Aosta (composta da Regione, Usl e Protezione Civile) sono rincuoranti e confermano solo un nuovo caso rispetto a ieri: oltre alla buona notizia del ritorno a casa del paziente più piccolo di coronavirus.

I contagiati al momento sarebbero 15, di cui 3 si trovano ricoverati mentre altri 12 sono in isolamento domiciliare, dove la loro situazione viene costantemente monitorata dalle autorità sanitarie. La situazione resta molto delicata nella Regione, dove in totale ci sono 144 persone in quarantena. I tamponi effettuati ad oggi sono 73: 25 sono risultati negativi, ma si attendono ancora 33 risultati dei test sotto esame nei laboratori di Sant'Anna di Torino. Fuori dall'ospedale Parini di Aosta è stata montata una nuova tenda che potrà essere utilizzata come vero e proprio reparto esterno. Dal prossimo 11 marzo, inoltre si segnala che le attività chirurgiche ospedaliere saranno ridotte in modo da avere più posti letto a disposizione.

Per quanto riguarda la situazione dell'emergenza coronavirus nel resto del Paese, il bollettino aggiornato alle 18 del 9 marzo 2020 della Protezione Civile indica un totale di 9.172 casi, 1598 in più: aumentano anche i guariti che in totale sono 724, e i decessi, che arrivano a 463. Dei contagiati, circa 3mila rimangono in isolamento domiciliare, mentre più di 4mila persone sono ricoverate: tra queste 733 (cioè il 10%) si trovano in terapia intensiva. Le Regioni più colpite continuano a essere la Lombardia (che è diventata interamente zona rossa da ieri 8 marzo), Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. Per quanto riguarda le vittime, si segnala un tasso di mortalità nella fascia d'età 50 -59 pari 1%, 60-69 pari a 10%, 70-79 pari a  31%, ultra ottantenni pari a 44%, e il 14% tra gli ultranovantenni.

75.271 CONDIVISIONI
26083 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni