964 CONDIVISIONI
La morte di Sissy Trovato Mazza
23 Luglio 2020
17:12

Caso Sissy, Gip si riserva decisione sull’archiviazione, il padre: “Non ci lasci soli ora”

Si è conclusa oggi l’udienza che avrebbe dovuto decidere del destino dell’indagine sulla morte di Sissy Trovato Mazza, agente uccisa da un colpo di pistola esploso nell’ospedale di Venezia, dove era in servizio come agente penitenziaria. Il GIP Barbara Lancieri si è riservata di decidere più avanti, dopo aver ricevuto la famiglia e ascoltato le argomentazioni con cui si oppone all’archiviazione. Tra questi il Bloodstain Pattern Analysis, l’analisi del sangue sulla scena.
A cura di Angela Marino
964 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Sissy Trovato Mazza

Si è conclusa con una nulla di fatto l'udienza al che avrebbe dovuto decidere se l'indagine sulla morte di Sissy Trovato Mazza andrà avanti o sarà archiviata. Il Gip Barbara Lancieri ha infatti rinviato a data da destinarsi la decisione di chiudere il caso come suicidio; procedere contro uno più indagati nel fascicolo per istigazione al suicidio; o aprire un nuovo procedimento per omicidio a carico d'ignoti o soggetti noti. "Abbiamo esposto tutte le criticità di fronte a un giudice attentissimo e che conosceva molto bene il caso" ha detto Eugenio Pini, rappresentante legale di Patrizia Trovato Mazza, la sorella di Sissy.

Contro le argomentazioni della Procura, che vorrebbe archiviare il caso come suicidio, il team legale che comprende anche l'avvocato Girolamo Albanese, legale di Salvatore Trovato Mazza, ha opposto alcuni accertamenti di natura scientifica. Una consulenza basata sulla mappa delle macchie di sangue nell'ascensore dove avvennero i fatti, dimostrebbe, infatti, per i tecnici, che a esplodere quel colpo non poteva essere la mano di Sissy. Tale tipo di esame è stato affidato dalla famiglia a Luciano Garofano, ex comandante dei Ris, in qualità di tecnico. Altri elementi posti al vaglio del Gip sono invece di diverse natura e riguardano lo stato psicologico dell'agente calabrese, all'epoca più che mai determinata a risolvere un contenzioso con i colleghi del proprio carcere, il cui comportamento aveva segnalato all'allora direttrice, Gabriella Straffi. Accertamenti particolari sono stati chiesti riguardo a due agenti penitenziari con le quali l'agente Sissy aveva avuto aspri conflitti.

"Speriamo che il giudice si esprima in nostro favore" ha detto il papà di Sissy a Fanpage. Per quattro anni siamo stati lasciati soli, lo Stato assente, oggi speriamo che non lo sia più e che tutto quello che doveva essere fatto per restituire verità a mia figlia venga fatto oggi".

964 CONDIVISIONI
64 contenuti su questa storia
Due anni fa moriva l'agente Sissy Trovato Mazza: la sua fine resta un mistero
Due anni fa moriva l'agente Sissy Trovato Mazza: la sua fine resta un mistero
Sissy uccisa da un colpo di pistola, ok a nuove indagini: "Con lei c'erano due persone"
Sissy uccisa da un colpo di pistola, ok a nuove indagini: "Con lei c'erano due persone"
Non fu Sissy Trovato Mazza a premere il grilletto: lo dicono le macchie di sangue
Non fu Sissy Trovato Mazza a premere il grilletto: lo dicono le macchie di sangue
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni