219 CONDIVISIONI
21 Gennaio 2022
14:45

Cambia il Registro delle opposizioni: come fare per bloccare il telemarketing sui cellulari

Via libera del consiglio dei ministri alla tanto attesa riforma del Registro pubblico delle opposizioni al telemarketing che ora comprende anche i numeri di cellulare.
A cura di Antonio Palma
219 CONDIVISIONI

Addio al telemarketing molesto anche sui cellulari e alle telefonate con voce registrata. Con il via libera del consiglio dei ministri, infatti, è stata approvata la tanto attesa riforma del Registro pubblico delle opposizioni al telemarketing che ora comprende anche i numeri di cellulare oltre ai numeri telefonici fissi e alla posta cartacea. Il provvedimento, che disciplina la portata della legge del 2018, entrerà in vigore con un decreto del Presidente della Repubblica e la successiva pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Si chiude così un lungo iter caratterizzato da un serrato confronto tra Ministero dello Sviluppo economico, Presidenza del consiglio, commissioni parlamentari, Garante dei dati personali e Autorità garante delle comunicazioni che hanno formulato le loro osservazioni e pareri per dare il via libera.

La riforma del Registro pubblico delle opposizioni

“Sono soddisfatto perché abbiamo approvato un’altra riforma importante molto attesa dai cittadini che hanno il diritto veder tutelata la loro privacy da attività promozionali invasive. Con questo strumento si punta finalmente a regolamentare un fenomeno che è diventato inaccettabile”, dichiara il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Il riferimento è al telemarketing molesto sui cellulari i cui numeri  erano rimasti fuori dalla precedente normativa. La novità più importante del provvedimento infatti è proprio la possibilità per i cittadini di revocare i consensi alle chiamate promozionali o all’invio di materiale pubblicitario indesiderato anche per le utenze telefoniche mobili. Con l'entrata in vigore della norma, una volta inserito il numero di cellulare nel registro, neanche sugli smartphone potranno più arrivare chiamate promozionali. La procedura è identica a quella per i telefoni fissi e si basa appunto sul Registro pubblico delle opposizioni, un servizio pubblico e gratuito per tutti i cittadini che una volta iscritti negli elenchi non potranno più essere contattati dall’operatore di telemarketing, a meno che quest’ultimo non abbia ottenuto specifico consenso all’utilizzo dei dati successivamente alla data di iscrizione.

Come iscriversi al Registro delle Opposizioni al telemarketing

Per iscriversi al Registro delle Opposizioni ci sono diverse modalità. Una è quella che prevede la compilazione di un modulo elettronico sul portale www.registrodelleopposizioni.it. Un altro metodo  è registrare la propria telefonica utenza via telefono chiamando il numero verde 800 265 265 o inviando un’email con il modulo d’iscrizione all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it. Infine è anche possibile inviare il modulo via raccomandata ma a seguito della pandemia covid le richieste di iscrizione, aggiornamento e revoca inviate al Registro in questo modo saranno gestite solo al termine dell'emergenza epidemiologica.

Le sanzioni per gli operatori e le aziende

La legge prevede che l'operatore di telemarketing che utilizza i dati presenti negli elenchi telefonici pubblici verifichi le liste dei potenziali contatti, tramite una serie di servizi disponibili sul portale del Registro, per assicurarsi che non ci sia l'opposizione. La violazione  di questo principio  comporta sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di Euro o per le imprese, fino al 4 % del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente

219 CONDIVISIONI
Come fare il cambio di residenza online sul sito Anpr con o senza Spid
Come fare il cambio di residenza online sul sito Anpr con o senza Spid
In Ucraina manca carburante, lunghe code per fare benzina a Kiev
In Ucraina manca carburante, lunghe code per fare benzina a Kiev
1 di askanews
La Commissione Ue ha avviato il meccanismo per bloccare i fondi europei all'Ungheria
La Commissione Ue ha avviato il meccanismo per bloccare i fondi europei all'Ungheria
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni