Si stava divertendo al mare, scavando una buca nei pressi del bagnasciuga, assieme alla mamma, quando dalla sabbia bagnata è iniziato ad affiorare un oggetto scuro di significative dimensione: una bomba a mano tedesca della Prima Guerra Mondiale, una Stielhandgranate 24. Protagonista dell’insolita quanto pericolosissima scoperta è una bambina di due anni. Come si legge sul Messaggero Veneto, il fatto è accaduto nella tarda mattinata di mercoledì 17 luglio, davanti all’ufficio 6 di Lignano Sabbiadoro, località balneare in provincia di Udine. Solo l’intervento immediato del bagnino di salvataggio ha evitato il peggio.

L’uomo, infatti, si è accorto dell’armeggiare di mamma e figlia, di origini russe. Prima la piccola poi la genitrice sarebbero arrivate a maneggiare l’ordigno. L’assistente si è quindi precipitato verso di loro, ha messo in sicurezza la bomba e l’area in cui è stata rinvenuta allontanando gli altri turisti presenti in quel momento nel tratto di spiaggia per evitare di creare il panico. Quindi ha dato l’allarme alle autorità competenti. Sul posto è intervenuta la Capitaneria di Porto di Lignano, che ha poi trasportato l’ordigno in un luogo sicuro dove interverranno gli artificieri per farla esplodere.