163 CONDIVISIONI
15 Gennaio 2022
11:02

Bari, scheletro ritrovato nel canale: non appartiene ai Loconsole e Addante scomparsi nel 2006 e 2019

Lo scheletro ritrovato in un canalone a Bari il 2 gennaio scorso non appartiene a Antonio Loconsole e Gaetano Addante, scomparsi rispettivamente nel 2006 e nel 2019. Secondo i primi rilievi, si tratta dei resti di un uomo di 50 anni morto nell’ultimo decennio.
A cura di Gabriella Mazzeo
163 CONDIVISIONI

Lo scheletro ritrovato il 2 gennaio scorso in un canalone a Bari non appartiene né ad Antonio Loconsole né a Gaetano Addante. I due, scomparsi ormai da anni, avevano caratteristiche fisiche compatibili con lo scheletro rinvenuto all'inizio di gennaio 2022. Secondo le analisi, però, il corpo non appartiene a nessuno dei due. Per ora quel che è certo è che quello scheletro appartiene ad un uomo di età adulta tra i 50 e i 70 anni, deceduto almeno nell'ultimo decennio. Loconsole era scomparso nell'agosto nel 2006 e Capurso nell'ottobre del 2019: erano gli unici due nell'elenco delle persone scomparse con profili che sembravano corrispondere a quello delle ossa ritrovate. I familiari hanno fornito all'istituto di medicina legale del Policlinico di Bari le ortopantomografie, ossia le radiografie delle arcate dentarie, per gli accertamenti. L'esito è stato negativo.

Adesso gli esperti procederanno all'analisi del dna e degli effetti personali trovati con le ossa: una maglietta, una sciarpa e una coperta. Sulle ossa non vi sono lesioni che fanno pensare a una morte dovuta a colpi di arma da fuoco o fendenti. L'obiettivo delle indagini è principalmente quello di identificare i resti e definire la causa della morte. La Procura di Bari aveva aperto un'indagine per omicidio colposo a carico di ignoti. Secondo gli inquirenti, il corpo potrebbe essere stato gettato da qualcuno sotto l'argine del canale.

Lo scheletro umano era stato rinvenuto il 2 gennaio da un uomo a passeggio con il suo cane. Parzialmente interrato, era stato riconosciuto dal cittadino e segnalato alle forze dell'ordine. Sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia Bari centro e il medico legale. Nel corso degli accertamenti sono stati individuati anche gli effetti personali appartenenti alla persona defunta, probabilmente un uomo di 50 anni morto negli ultimi 10 anni.

163 CONDIVISIONI
Liliana Resinovich, nessun segno di violenza sul corpo senza nome ritrovato in un sacco
Liliana Resinovich, nessun segno di violenza sul corpo senza nome ritrovato in un sacco
Ritrovata la 16enne scomparsa a Venezia: il lungo abbraccio con la madre
Ritrovata la 16enne scomparsa a Venezia: il lungo abbraccio con la madre
Frammento osseo ritrovato nel Po: secondo la Procura appartiene a Saman Abbas. Verifiche in corso
Frammento osseo ritrovato nel Po: secondo la Procura appartiene a Saman Abbas. Verifiche in corso
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni