127 CONDIVISIONI

“Avevo 17 anni, mi controllava e picchiava: un giorno mi tirò un pugno in faccia davanti a un militare”

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin, 105esima donna uccisa nel 2023, Fanpage.it apre uno spazio per le lettrici e i lettori per condividere le loro testimonianze. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Redazione
127 CONDIVISIONI

Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Giulia Cecchettin è la 105esima donna uccisa nel 2023. La 82esima in ambito familiare. Un dramma in seguito al quale la famiglia di Giulia, col papà Gino e la sorella Elena, hanno chiesto di “far nascere qualcosa perché non accada più”, di “fare rumore” e di denunciare, sempre.

Se avete voglia di condividere le vostre testimonianze, Fanpage.it è aperto a voi. Scriveteci a segnalazioni@fanpage.it o cliccando qui. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h. Pubblichiamo di seguito una testimonianza arrivata alla nostra redazione.

La lettera a Fanpage.it

Avevo 17 anni, il mio ex aveva la mia password di Facebook, si arrabbiò per alcuni messaggi che avevo ricevuto da compagni di classe e dei suoi amici. Erano auguri di compleanno/buon anno/buon Natale.

La mattina dopo disse che voleva vedermi e io saltai scuola, lo incontrai alla fermata del bus e lui sembrava fuori di sé. Dovevamo andare a casa mia (non c'era nessuno in casa). Avevo paura di aprire la porta di casa, non volevo, lui mi disse di farlo, ci sedemmo e iniziò a urlare. Mi diede uno schiaffo forte in faccia, ebbi paura, scappai in bagno chiudendo a chiave.

Lui sbatteva sulla porta tanto che temevo la sfondasse, uscii, mi disse che voleva uccidermi. Ero terrorizzata, stava controllando tutto il mio cellulare, prese il mio pc e lo scaraventò a terra rompendolo, buttò il materasso del mio letto a terra, prese un coltello dalla cucina e disse che mi avrebbe ammazzata e si sarebbe ammazzato.

Alla fine se ne andò, io misi tutto a posto, non dissi niente ai miei genitori, feci finta di tornare a casa da scuola. Giustificai l'ematoma in faccia con una caduta. Non lo lasciai quella volta, avevo paura.

Ci furono altri episodi di violenza. Ad esempio il giorno del mio compleanno: ero con delle mie amiche e lo incontrai “per caso” in piazza, mi mise le mani al collo e strinse, mi urlava, la mia amica cercò di allontanarlo, andammo via.

Un'altra volta ero uscita a fare degli acquisti, disse che qualcuno mi aveva visto e chiese di incontrarci: lo feci, era arrabbiato e diceva che mi avrebbe riaccompagnata a casa. Ebbi paura, dissi che sarei tornata a casa da sola, presi la mia bici e me ne andai, lui mi rincorse con la sua bici, temevo che mi avrebbe raggiunta, mi fermai davanti a una caserma, lui arrivò e mi tirò un pugno in faccia che caddi a terra.

Un militare vide la scena e mi disse di andare dai carabinieri a denunciare e che poi sarei tornata a casa con loro: non lo feci e tornai a casa con lui. Avevo paura di lasciarlo, avevo paura di parlarne con i miei genitori.

Alla fine ho trovato la forza di lasciarlo: diceva che si sarebbe suicidato, non ebbi alcuna pena. Ringrazio Dio per avermi salvata.

127 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni