Il governo e la Croce Rossa cinesi hanno inviato rinforzi all'Italia per combattere l'epidemia di coronavirus: nove medici che negli ultimi mesi si sono specializzati in Covid-19, insieme a 31 tonnellate di forniture sanitarie, sono partiti a bordo di un volo charter della compagnia China Eastern Airlines diretto a Roma e decollato poche ore fa dall'aeroporto internazionale di Shanghai Pudong. Il gruppo di lavoro è composto da medici di diversi istituti tra cui il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie e l'Ospedale della Cina occidentale nella provincia del Sichuan. Fra il materiale inviato ci sono attrezzature di reparto di terapia intensiva, equipaggiamento protettivo e farmaci antivirali. "Adesso è una lotta globale", ha dichiarato prima della partenza Sun Shuopeng, vicedirettore della Croce Rossa e capo del team cinese al "Global Times". "Il modo in cui trattiamo i contatti stretti, i pazienti in condizioni critiche e i pazienti con sintomi lievi sono diversi", ha spiegato Sun Shuopeng.

Secondo il capo squadra, le forniture mediche provengono da diverse città cinesi e comprendono anche alcune medicine a base di erbe  come la capsula Lianhuaqingwen. "La capsula di Lianhuaqingwen si è dimostrata efficace nel trattamento della Covid-19. Altri paesi stanno iniziando a imparare l'efficacia del trattamento con le medicine tradizionali cinesi", ha detto Sun. Liang Zongan, direttore del Dipartimento di terapia respiratoria e di terapia intensiva presso l'Ospedale della Cina occidentale, anch'egli membro del team, ha dichiarato che sta portando alcuni rapporti di ricerca e linee guida sull'esperienza del controllo e del trattamento dell'epidemia acquisiti in Cina, e spera di condividere le informazioni con i medici in Italia. Sun ha riferito al "Global Times" che il ritorno in Cina del team medico dipenderà dall'evoluzione della situazione in Italia.