La mamma l'ha trovata riversa nella sua cameretta, ormai senza vita a soli 14 anni. Avrebbe dovuto seguire le lezioni in didattica a distanza ma per lei, deceduta stando alle prime ipotesi per un malore improvviso, non c'era più nulla da fare. Sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso della giovanissima, che frequentava il primo anno di una scuola superiore di Sansepolcro, anche se lei viveva a Monterchi (Arezzo). La genitrice ha chiamato subito i soccorsi. Ma i medici del 118, giunti sul posto, non hanno potuto che constatarne il decesso. Sul posto anche i carabinieri del comune aretino e della compagnia di Sansepolcro.

La ragazzina, unica figlia, viveva da sola proprio con la madre, una 46enne romena che aveva trovato lavoro come badante. Stando a quanto raccontato da chi la conosceva, la 14enne frequentava l'Itc di Sansepolcro con ottimi profitti e questa mattina si accingeva a collegarsi per la prima lezione della giornata in dad, quando si è sentita male. Pare che in quel momento fosse sola a casa. La madre era al lavoro ma quando non ha ottenuto risposta al telefono, ha chiesto ad un vicino di andare a vedere cosa stesse succedendo. Proprio l'uomo ha fatto la scoperta choc e ha avvertito subito la madre. Sul posto è arrivato subito il 118 ma per la giovane era ormai tardi non c'è stato niente da fare. Ad un primo esame sembrerebbe trattarsi di cause naturali ma, come detto sarà, solo l'autopsia, che sarà eseguita presso l'ospedale della Gruccia a Montevarchi, lo potrà chiarire.

La morte della 14enne ha sconvolto l'intera comunità. Mamma e figlia erano conosciute nella piccola comunità di Monterchi dove la donna si era trasferita insieme alla figlia in un appartamento datole in affitto dalla famiglia del proprio titolare.