Ha perso il feto che portava in grembo in seguito ad un incidente stradale. La donna, 40enne di origine nordafricana residente a Nus e incinta al sesto mese di gravidanza, stava viaggiando sulla stradale 26 su una Kia insieme ad una passeggera di 50 anni quando una Fiat Doblò ha invaso la loro corsia in un tratto non lontano dalla rotonda per Saint-Marcel. Era il 4 ottobre scorso e oggi, a distanza di un mese da quel tragico evento, la Procura di Aosta ha annunciato di aver aperto un fascicolo contro ignoti per aborto colposo. Subito dopo lo schianto, la futura mamma e la donna che era con lei era avevano ricevuto una prognosi superiore a 40 giorni, che aveva fatto scattare la denuncia d'ufficio per lesioni stradali a carico della trentunenne, rimasta illesa, alla guida dell'altra auto, su cui si trovava anche un minore, che se l'è cavata con una policontusione non grave.

I militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Chatillon e Saint-Vincent hanno ricostruito la dinamica di quanto successo e hanno raccolto i referti del pronto soccorso, manca però la certificazione dell'aborto, per la quale il pm Francesco Pizzato ha disposto un ordine di esibizione della cartella clinica, che è in mano all'Usl.