114 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Alto Adige, sciatrice 83enne cade da una seggiovia all’Alpe di Siusi e muore. Grave un’altra donna

Il dramma nei pressi della stazione a valle dell’impianto Goldknopf: le due sciatrici precipitate da un’altezza di circa 7 metri. La 69enne, seduta accanto alla vittima, è rimasta ferita gravemente ed ora è ricoverata a Bolzano.
A cura di Biagio Chiariello
114 CONDIVISIONI
Immagine

Drammatico incidente nel comprensorio sciistico dell'alpe di Siusi. Due sciatrici sono cadute da una seggiovia da un'altezza di sette metri e una di loro è morta.

La tragedia è avvenuta nella mattinata di oggi, giovedì 25 gennaio, sull'altopiano dolomitico situato in Alto Adige, all'interno del territorio del comune di Castelrotto, nei pressi della stazione a valle dell'impianto di risalita a quattro posti Goldknopf/Punta d'Oro, che collega le liste paradiso e Floralpina ed è stata costruita nel 2002 da Doppemayr.

A perdere la vita è stata una donna di 83 anni. Troppo gravi si sono rivelati i traumi riportati alla testa e al torace oltre a fratture multiple su tutto il corpo. Seduta affianco a lei c'era anche una 69enne che è invece ricoverata in gravi condizioni all'ospedale di Bolzano. Ha riportato un trauma toracico, ferite alla testa e alla schiena oltre ad una frattura ad una gamba. Rimasta sempre vigile durante l'intervento dei soccorsi, ha ammesso di non ricordare nulla dell'incidente.

Le cause dell'incidente non sono chiare. Sul posto sono intervenuti gli elicotteri Aiut Alpin Dolomites e Pelikan 2, come anche il soccorso alpino e i carabinieri che si stanno occupando di ricostruire le dinamiche del dramma. Gli inquirenti hanno interrogato gli altri sciatori presenti al momento dell’incidente alla ricerca soprattutto di qualche testimoni oculari.

La seggiovia dell'impianto sull'alpe di Siusi è dotata di cupola di sicurezza e antivento. Copre un dislivello di 370 metri in sei minuti e mezzo partendo dai 1.850 metri della stazione a valle e arrivando a 2.220 metri a monte.

114 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views