2.914 CONDIVISIONI
29 Luglio 2022
20:22

Alika ucciso per strada, l’avvocato a Fanpage.it: “Aggressione prolungata, lo ha finito a mani nude”

Alika Ogorchukwu, un 39enne di origine nigeriana, è stato ucciso oggi per strada a Civitanova Marche. L’avvocato Francesco Mantella, che conosceva la vittima e la sua famiglia: “Neanche nelle arene dei gladiatori succede qualcosa del genere”.
A cura di Susanna Picone
2.914 CONDIVISIONI

“C’è stata questa aggressione alle due del pomeriggio lungo la strada più importante di Civitanova Marche, Alika era lì che camminava con la sua stampella, probabilmente voleva vendere qualcosa e tirare su qualche soldo ma c’è stata questa aggressione piuttosto prolungata e violenta da parte di un italiano per effetto della quale poi il povero Alika è rimasto esanime”. È quanto racconta a Fanpage.it l’avvocato Francesco Mantella, che oggi si trovava a Civitanova Marche nei momenti successivi alla morte di Alika Ogorchukwu, un 39enne di origine nigeriana che è stato ucciso per strada.

L’avvocato Mantella, che conosceva la vittima e la sua famiglia e che in passato li aveva seguiti per alcune loro vicende, non nasconde l’angoscia per quanto accaduto. “È stata una aggressione praticamente a mani nude, ha subito colpi così forti da provocarne la morte. Sarebbero stati rinvenuti sul posto anche altri corpi contundenti oltre alla stampella, immagino che poi l’aggressore abbia usato anche le mani per ucciderlo”, ci dice l’avvocato riflettendo che "neanche nelle arene dei gladiatori succede qualcosa del genere".

“Civitanova Marche è sgomenta, è profondamente turbata da questo fatto, significa che c’è una presenza di soggetti molto preoccupante”, continua. E di Alika Ogorchukwu parla come di un uomo con una famiglia normale, che viveva dignitosamente: “Ho seguito lui e la sua famiglia anche nel loro percorso di integrazione in Italia, conosco il loro modo di essere e la loro vita. Lo scorso anno Alika aveva avuto un incidente in seguito al quale aveva ottenuto un risarcimento dall’assicurazione e viveva di questo”, ha spiegato ancora l’avvocato Mantella.

L'aggressione ai danni dell'ambulante è avvenuta intorno alle 14 di oggi nella strada principale di Civitanova Marche. Stando a quanto emerso finora, la vittima è stata colpita alla testa con la sua stampella e probabilmente anche con altri oggetti. L'uomo responsabile del pestaggio è stato subito fermato: agli agenti, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe detto che Alika aveva fatto degli apprezzamenti nei confronti della donna che si trovava con lui. All'episodio hanno assistito diverse persone che vengono ascoltate dagli agenti della Squadra mobile. La polizia acquisirà i video dei sistemi di sicurezza, ma ci sarebbero anche dei filmati girati con i telefonini dai passanti che potrebbero aiutare a ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto.

"Nel primo pomeriggio una aggressione mortale, avvenuta in Corso Umberto I, ha scosso e addolorato tutti noi. A nome della Città tutta, esprimo la più ferma condanna verso azioni di tale natura e verso ogni forma di violenza che non può trovare alcun fondamento ed alcuna giustificazione", è quanto scrive in un post su Facebook il sindaco di Civitanova, Fabrizio Ciarapica. "Questo inaccettabile episodio ci invita tutti a non abbassare mai la guardia contro ogni forma di violenza. Siamo vicini alla famiglia della vittima e continueremo a fare tutto quello che è in nostro potere per combattere la violenza e per favorire la pacifica convivenza e la tolleranza – prosegue il sindaco – Sto seguendo in prima persona, con le competenti Autorità, gli sviluppi della questione". Ciarapica ha confermato che "l'autore del delitto è già stato assicurato alla giustizia". "Trattasi di un episodio gravissimo ma che non può descrivere la realtà della nostra città – conclude il sindaco – Civitanova è una città pacifica, accogliente, sicura e questa sera è sgomenta per una vicenda estranea al suo carattere e alla sua anima. Una preghiera per la vittima".

2.914 CONDIVISIONI
Liliana Resinovich, l'avvocato Gentile a Fanpage.it:
Liliana Resinovich, l'avvocato Gentile a Fanpage.it: "Uccisa da qualcuno che conosceva”
Omicidio Civitanova, perché i funerali di Alika verranno ancora rinviati
Omicidio Civitanova, perché i funerali di Alika verranno ancora rinviati
Elena del Pozzo, l’avvocato di Martina Patti a Fanpage.it: “Sempre più consapevole di cosa ha fatto”
Elena del Pozzo, l’avvocato di Martina Patti a Fanpage.it: “Sempre più consapevole di cosa ha fatto”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni