311 CONDIVISIONI
21 Luglio 2021
07:37

A vent’anni dal G8 di Genova in Piazza Alimonda: “Avevamo ragione noi, adesso siamo in ritardo”

Elena Giuliani, sorella di Carlo, morto il 20 luglio 2001, racconta con commozione il vuoto lasciato da suo fratello. Sono in molti i manifestanti che sono arrivati da tutta Italia per ricordare il G8 di Genova e che nel 2001 hanno partecipato ai fatti. Nei loro ricordi e nelle loro parole affiorano gli stessi temi politici che tanti anni dopo ancora dominano il dibattito pubblico.
A cura di Gianluca Orrù
311 CONDIVISIONI

C'è chi come Mimi non riesce ancora a raccontare i fumogeni, gli elicotteri e la polizia senza commuoversi; c'è Maura che era scesa in piazza vent'anni fa con sua madre e sua figlia e oggi ci è tornata con sua nipote di 17 anni; c'è Paolo, cui non basta avere ragione ma vorrebbe vedere azioni concrete; c'è Fabrizio che ammette che dopo il G8 di Genova e la morte di Carlo Giuliani tutta l'energia che aveva coagulato le tante sigle che componevano il movimento No Global è finita e che "si sarebbe potuto fare di più".

La tre giorni di dibattiti e presidi convocata per il ventennale del G8 del 2001 per i molti giovani presenti è una storia raccontata da altri o letta sui libri di storia. In Piazza Alimonda però, oggi ci sono anche quelli che vent'anni fa avevano partecipato alle manifestazioni contro i rappresentanti delle 8 principali economie mondiali. I temi della protesta di allora erano legati, tra gli altri, all'ambiente e alle migrazioni mondiali.

Elena Giuliani, sorella di Carlo
Elena Giuliani, sorella di Carlo

"Abbiamo perso vent'anni perché le ragioni del movimento sono totaliracconta Elena Giuliani – e sono ancora valide". "In 24 ore abbiamo avuto – racconta Spartaco – tutto il meglio che il movimento aveva da offrire e tutto il peggio della risposta dello stato". "Molti amici venuti con me non sono stati fortunati e sono stati portati a Bolzaneto dove hanno passato una 3 giorni terribile – racconta Federico – e non ne vogliono parlare"

Il ricordo dei fumogeni, dei lacrimogeni, degli elicotteri e della città blindata emerge da tutti i racconti, così come emerge anche la convinzione in chi c'era allora ed è tornato oggi che il movimento ci aveva visto giusto, che le criticità che erano state segnalate si sono rivelate problemi enormi, che ancora sono irrisolti.

"Avevamo ragione noi e lo dimostrano i fatti – sostiene Maura – tutto quello che sta succedendo a livello ambientale, il dibattito sulle migrazioni mondiali, questi sono temi decisivi che non possiamo non affrontare".

311 CONDIVISIONI
Studentessa bocciata fa ricorso, Tar le riconosce 10mila euro
Studentessa bocciata fa ricorso, Tar le riconosce 10mila euro "per il ritardato avvio alla professione"
Bollettino Covid, oggi in Italia 12.317 contagi e 34 morti per Coronavirus: i dati di domenica 11 settembre
Bollettino Covid, oggi in Italia 12.317 contagi e 34 morti per Coronavirus: i dati di domenica 11 settembre
Allerta meteo venerdì 16 settembre per temporali e maltempo: cinque regioni a rischio
Allerta meteo venerdì 16 settembre per temporali e maltempo: cinque regioni a rischio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni