Dramma nel dramma per una famiglia di Mirano, nella città metropolitana di Venezia, che in appena 24 ore ha dovuto fare i conti con un doppio e improvviso lutto. Le vittime sono padre e figlio, rispettivamente di 47 e 84 anni, entrambi colti da improvviso e inaspettato malore a poche ore di distanza. Il primo a sentirsi male tra domenica e lunedì è stato il 42enne Alberto Corò, stroncato durante la notte da una improvvisa e fatale crisi cardiorespiratoria in casa. Poi è toccato all'anziano padre colto da una fitta al cuore poche ore dopo il decesso del figlio e morto il giorno dopo in ospedale dove era stato trasportato d'urgenza.

Probabilmente l'84enne non ha retto al dolore per la prematura scomparsa del figlio che lui stesso, nonostante l’età, ha tentato in tutti i modi di salvare con un massaggio cardiaco, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. L'uomo era stato ricoverato in Cardiologia a Mirano ma, nonostante le cure, il suo cuore non ha retto alla dolorosa perdita e ad appena 24 ore dalla tragedia del figlio è stato dichiarato anche il suo decesso.

L'uomo lascia la moglie Gabriella, di 78 anni, e una figlia, Claudia, di 38 anni,  che in sole ventiquattr’ore hanno perso i riferimenti di una vita. Per l'ultimo saluto a padre e figlio i familiari hanno deciso di celebrare un funerale congiunto che si svolgerà domani alle 10 nella chiesa di San Leopoldo, la stessa dove era stato già organizzato l’estremo saluto al 42enne.