Un banale diverbio per ragioni di viabilità si è trasformato in tragedia questa sera a Condove, località della Val di Susa, in Piemonte: un uomo al volante di un pulmino nero  ha investito una motocicletta sulla quale viaggiavano due ragazzi: nell'impatto, estremamente violento, una giovane è morta e il conducente della moto è rimasto gravemente ferito, tanto da essere trasportato in elicottero al Cto di Torino.

Quello che apparentemente potrebbe sembrare un incidente stradale dall'esito drammatico però ha assunto, con il passare dei minuti, i connotati di un vero e proprio omicidio: un testimone ha infatti riferito ai carabinieri che un paio di chilometri prima dello schianto ci sarebbe stata una discussione, per motivi forse legati alla viabilità, tra il conducente della vettura e il ragazzo alla guida della moto, che poco prima di allontanarsi avrebbe sferrato un pugno contro un finestrino del pulmino.

Un gesto di rabbia che poteva concludersi lì, ma che ha fatto perdere la testa all'autista del veicolo che si sarebbe lanciato come un folle all'inseguimento del motociclista. Sono bastati un paio di chilometri per recuperare i centauri: alla rotonda lungo la statale 24 all'ingresso del centro abitato di Condove, quando la moto è stata costretta a rallentare, il conducente del pulmino avrebbe invece premuto il piede sull'acceleratore travolgendo i due ragazzi, schiacciandoli addirittura contro il guard rail.

L'impatto è stato violentissimo: la giovane è deceduta sul colpo, mentre il ragazzo alla guida è in gravi condizioni. I carabinieri stanno interrogando i testimoni e l'uomo indicato come il responsabile di un probabile omicidio: quest'ultimo, nonostante la violenza dello scontro, è  rimasto illeso. E' stato anche avvisato il magistrato di turno che si sta recando sul luogo dell'incidente.