Gli Stati Uniti d'America contano le prime vittime dell'uragano Florence, già declassato a tempesta tropicale, che si è abbattuto nelle scorse ore sul Paese, con particolare forza sul North Carolina, mentre continua lentamente, alla velocità di 5 chilometri orari, ad avanzare verso Ovest. In tutto sono 7 i morti, come riferiscono le autorità locali. Tra di loro anche una mamma e il suo bambino, schiacciati da un albero caduto sopra la loro casa. I vigili del fuoco hanno fatto tutto il possibile per salvarli ma, ma quando è arrivata la conferma della morte di entrambi, si sono inginocchiati e hanno iniziato a pregare per loro, come dimostrano numerose immagini condivise sui social network.

Un uomo di 77 anni è stato ritrovato morto fuori della sua abitazione, probabilmente colpito dal vento mentre andava a controllare i suoi cani da caccia. Tra le altre vittime, c'è anche una donna colpita da infarto a Wilmington e un uomo rimasto fulminato mentre collegava un generatore nella contea di Lenoir. Intanto, continuano i disagi nelle zone colpite da Florence, nonostante sia diminuita la sua potenza. "La tempesta continuerà a marciare violentemente sul nostro Stato ancora per giorni", ha dichiarato il governatore della Carolina del Nord, Roy Cooper, che ha descritto la gravità delle precipitazioni come "un evento mai visto da mille anni". Sono quasi 800mila le persone rimaste senza elettricità in questo stato, dove il presidente Donald Trump ha approvato una dichiarazione di disastro, mentre un canile è stato costretto ad abbattere tutti gli animali ospitati. Nella vicina Carolina del Sud il blackout ha interessato 130mila utenti.