70 CONDIVISIONI

L’abito di Audrey Hepburn all’asta: 200mila euro per il vestito iconico di Colazione da Tiffany

Il vestito che Audrey Hepburn indossava in Colazione da Tiffany andrà all’asta: si prevede una vendita record. Sui social tanti ironizzano su Kim Kardashian.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Giusy Dente
70 CONDIVISIONI
in foto: una scena di Colazione da Tiffany
in foto: una scena di Colazione da Tiffany

Certi abiti entrano di diritto nella storia del costume, diventando immediatamente iconici. È il caso del vestito rosa indossato da Audrey Hepburn nell'indimenticabile Colazione da Tiffany, una creazione elegantissima e senza tempo. La creazione è stata messa all'asta e si prevede una vendita da record, come è stato qualche anno fa per un'altra iconica creazione sfoggiata dalla stessa attrice e nello stesso film.

Quanto vale il vestito rosa di Audrey Hepburn

Julien's Auctions, nell'asta Legends: Hollywood & Royalty, ha proposto al pubblico un vestito che i più certamente riconosceranno a primo colpo. Si tratta di un grande classico del cinema, un capo indossato da una delle attrici più amate di sempre in un film che ha fatto storia. È l'abito couture rosa di Givenchy indossato da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, un adorabile e grazioso abitino bon-ton in organza di seta con corpetto aderente dallo scollo rotondo, gonna a tulipano, fiocco di raso in vita, ricami e paillettes cucite a mano tutta la superficie.

in foto: abito Givenchy
in foto: abito Givenchy

La nota Maison all'epoca disegnò la maggior parte dei costumi del film e questo, in particolare, è considerato il più iconico dopo il tubino nero che tutti riconoscono al primo colpo, diventato must have intramontabile del guardaroba di ogni donna e ancora oggi simbolo di stile, classe ed eleganza. Anche per quello rosa di Givenchy si prevede una vendita sostanziosa. Si prevede una cifra compresa tra 200.000 e 300.000 dollari, cioè 200.000 euro o più. Rispetto all'originale indossato 60 anni fa dalla Hepburn, quello in vendita ha una tonalità di rosa impallidita dal passare del tempo e alcune applicazioni sono rovinate o addirittura mancanti. Chi vincerà la gara delle offerte?

Immagine

Perché è spuntato il nome di Kim Kardashian

La vendita di Julien's Auction è prevista per l'inizio di settembre 2023. Sui social qualcuno ha ironizzato sperando che l'abito non finisca nelle mani di Kim Kardashian! Il riferimento è all'abito di Marilyn Monroe indossato dall'influencer a una serata di gala e danneggiato, perché troppo piccolo per lei (nonostante la drastica dieta per perdere peso).

in foto: dettaglio dell'abito Givenchy
in foto: dettaglio dell'abito Givenchy

Aste da record

Nel 2006 il tubino nero sfoggiato dalla diva in Colazione da Tiffany è stato venduto all'asta per ben 467.000 sterline. Ha avuto una storia ancora più fortunata l'abito bianco e nero di Cecil Beaton che la Hepburn indossava in My Fair Lady, venduto addirittura per 4,4 milioni di dollari nel 2017: si tratta probabilmente del secondo costume più costoso mai messo all'asta. Al primo posto svetta l'abito bianco di Marilyn Monroe in Quando la moglie è in vacanza: 4,5 milioni di dollari nel 2011. Non è un costume di scena, ma supera i precedenti per valore, l'abito disegnato da Jean Louis che indossava la Monroe quando cantò la canzone di buon compleanno a John Fitzgerald Kennedy. È diventato l'abito più costoso mai venduto: ben 4,8 milioni di dollari nel 2016.

70 CONDIVISIONI
L'abito di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany venduto a quasi 500mila dollari
L'abito di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany venduto a quasi 500mila dollari
Lily Collins come Audrey Hepburn: in copertina reinterpreta l'iconico look di Colazione da Tiffany
Lily Collins come Audrey Hepburn: in copertina reinterpreta l'iconico look di Colazione da Tiffany
Dov'è stato girato "Colazione da Tiffany": le location del film con Audrey Hepburn
Dov'è stato girato "Colazione da Tiffany": le location del film con Audrey Hepburn
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni