Pochi giorni prima del Natale il direttore degli Australian Open, il primo torneo dello Slam di tennis (che quest'anno a causa della pandemia si sposta a febbraio), aveva garantito sulla presenza di Roger Federer. Ma lo svizzero purtroppo in Australia non ci sarà. La notizia l'ha data il manager dell'ex numero 1 del mondo che ha annunciato il forfait. Ovviamente è una grossa perdita. Perché Federer è e sarà sempre il re del tennis, anche se tutti gli altri big, in particolare i giovani che scalpitano, saranno al via e voleranno a Melbourne già a metà gennaio, perché prima di poter disputare i tornei dovranno effettuare due settimane di quarantena.

Federer salta anche gli Australian Open

Nelle settimane scorse Roger aveva lasciato intendere che avrebbe, ahi lui, potuto saltare anche gli Australian Open. I problemi al ginocchio non li ha superati facilmente e tutt'ora le sue sessioni d'allenamento non durano più di due ore. L'otto volte vincitore di Wimbledon dunque è costretto a dare forfait agli Australian Open. Queste le parole del suo manager Tony Godsick:

Roger ha deciso di non prendere parte agli Australian Open 2021. Ha compiuto grandi progressi negli ultimi mesi con la sua condizione fisica e con il suo ginocchio, ma nonostante questo, dopo varie consultazioni con il suo team, ha deciso che la miglior decisione per il lungo periodo è quella di tornare alle competizioni tennistiche dopo l’Australian Open.

Quando tornerà a giocare Roger Federer

Difficile rispondere a questa domanda, ma è chiaro che ora non volando in Australia Federer potrà programmare il rientro con maggiore calma. Attualmente si sta allenando a Dubai, e potrebbe rientrare alle gare proprio in occasione del torneo che si disputa negli Emirati a fine febbraio, poi ci sarà tutta la stagione su terra, che potrebbe saltare a pie pari. Poi ci sarà l'amata erba, Wimbledon e i Giochi Olimpici, i due grandi obiettivi di Federer che dopo due operazioni al ginocchio e una lunga assenza a 40 anni vuole tornare a vincere qualcosa di importante.