2.383 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
26 Luglio 2021
5:44

Italia d’argento nella staffetta 4X100 stile libero, record e medaglia storica alle Olimpiadi

Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo hanno conquistato l’argento nella staffetta 4X100 stile libero alle Olimpiadi di Tokyo. È stata un’impresa straordinaria per il secondo posto, il record italiano e la prima storica medaglia ai Giochi nella staffetta veloce per gli Azzurri.
A cura di Maurizio De Santis
2.383 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Argento, record italiano e prima medaglia nella staffetta veloce nella storia delle Olimpiadi. La 4×100 stile libero maschile regala all'Italia una notte da favola e dà un segnale molto forte dopo la prima giornata di gare in vasca che aveva riservato luci e ombre. A spazzarle via ci pensa il quartetto composto da Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo che salgono sul podio dopo aver completato la distanza in 3'10″11, un tempo che segna anche il nuovo primato nazionale. È un risultato storico per il nuoto Azzurro ai Giochi. L’unico titolo nella specialità della staffetta risaliva ad Atene 2004 quando Brembilla, Cercato, Rosolino e Magnini conquistarono il bronzo nella 4×200. Un argento che arriva dopo il bronzo di Nicolò Martinenghi nella rana.

La gara era stata aperta da Alessandro Miressi con un parziale di 47″72 da fermo (22″77) poi è toccato a Thomas Ceccon alzare il ritmo e la frequenza della bracciata segnando un tempo nella propria frazione di 47″45 che ha alimentato le speranze di podio e messo (quasi) la medaglia al collo della staffetta. Infine, la ciliegina sulla torta: secondo posto e argento difesi con il cuore da Lorenzo Zazzeri (47″31) e Manuel Frigo (47″63) che hanno nuotato rasentando la perfezione e tenendo a bada i tentativi di rimonta di Canada e Ungheria. Straordinario davvero. Oro agli Stati Uniti (3'08″97), bronzo all’Australia in 3'10″22 che ha tenuto testa agli Azzurri fino all'ultima bracciata.

Urla di gioia e abbracci. L'euforia del quartetto italiano si è scatenata poco dopo l'ultima bracciata liberatoria. "È una gioia incredibile. Siamo felicissimi, siamo stati veramente bravi, una grande staffetta", le parole di Miressi. "Siamo veramente contenti per questo argento – ha aggiunto Ceccon -. Già nella giornata di ieri c'era stata la sensazione che avremmo potuto competere per conquistare una medaglia". Meraviglia, incredulità e un pizzicotto sulla guancia per Zazzeri e Frigo: "Non ci sono parole per descrivere questo momento. Abbiamo scritto una pagina bellissima di storia, quasi non non ci crediamo". Tutto vero, l'Italia della staffetta ha scritto una pagina bella di storia nella notte di Tokyo.

2.383 CONDIVISIONI
467 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni