Non dura nemmeno un giro il Gran Premio del Mugello di Max Verstappen, che in un avvio concitato paga un pessimo start, viene tamponato e si ritira. Un avvio di gara tremendo che ha visto coinvolti anche Raikkonen, Vettel, che è stato costretto a fermarsi ai box, e Gasly, vincitore a Monza la scorsa settimana. La gara si apre anche per la zona podio, anche per Leclerc, che vorrebbe fare un regalo alla Ferrari che celebra oggi i suoi 1000 Gp in Formula 1.

Verstappen subito fuori nel Gp Toscana

Portando la sua Red Bull in pista Verstappen aveva sentito problemi al motore, e di questo se n'era lamentato con il suo box. Quando l'olandese è partito ha capito subito che per lui non ce n'era, sfilato da quasi tutti gli altri piloti, nella seconda curva è stato tamponato, probabilmente da Kimi Raikkonen ed è finito nella ghiaia, stop definitivo. In quei momenti concitati ha pagato a caro prezzo quel caos anche il francese Gasly, vincitore a Monza una settimana fa, che era partito nelle retrovie. Dagli altari alle polveri nell'arco di pochi giorni, la vita è così, la Formula 1 che va velocissimo è anche questo. Entrambi si rifaranno, magari tra due settimane nel Gran Premio della Russia a Sochi, in programma il 27 settembre.

Due ritiri di fila per Verstappen, dopo Monza out al Mugello

Il pilota olandese si è ritirato per la terza volta in questa stagione, una brutta media (3° stop in 9 Gp). Si era dovuto fermare anticipatamente nella gara d'esordio in Austria e soprattutto la scorsa settimana a Monza. Verstappen così in modo definitivo dice addio ai sogni di gloria, a meno di clamorosissimi scossoni. Ma questo secondo ritiro rischia di allontanare in modo quasi definitivo Verstappen anche dalla lotta al secondo posto, Hamilton è leader del campionato con Bottas che è al secondo posto.