Lewis Hamilton vince anche il GP d'Ungheria, terzo appuntamento del Mondiale 2020 di Formula 1. All'Hungaroring, in una gara condizionata dal meteo e dai pit-stop forzati, il pilota britannico partito dalla pole position ha dominato la corsa ottenendo il secondo successo consecutivo dopo la vittoria nel GP di Stiria. Nonostante la bagarre creatasi a causa dell'errata valutazione nella scelta delle gomme di tanti team (partiti quasi tutti, ad eccezione della Haas, con gomme intermedie), Mercedes compresa, il primo posto del campione del mondo in carica (che si è preso anche il giro veloce all'ultima tornata) non è stato mai in discussione. Per il 35enne di Stevenage si tratta dell'86a vittoria in F1 (-5 dal record di Michael Schumacher).

Dietro di lui, si è infatti classificato Max Verstappen con la Red Bull che dopo, aver sbattuto nel giro di ricognizione (facendo ritardare così l'inizio del GP), è stato autore di una grande partenza che lo ha visto risalire il gruppo partendo dalla 7a casella della griglia. Terzo posto per Valtteri Bottas che invece proprio a causa di un'errata partenza è stato costretto a risalire il gruppo per centrare il podio. Nei giri finali il finlandese ha tentato di sorpassare l'olandese senza però riuscirci. Giornata negativa per le Ferrari (entrambe doppiate dal leader della corsa) con Sebastian Vettel che ha chiuso in sesta posizione alle spalle della Racing Point di Lance Stroll e alla Red Bull di Alexander Albon. Ancora peggio ha fatto invece Charles Leclerc (11°) finito fuori dalla zona punti.