2.025 CONDIVISIONI
12 Marzo 2023
16:54

A 16 anni fa in piena la curva più lenta del Mondiale F1 con la sua minicar: risultato disastroso

Una Citroen AMI si ribalta nella curva più lenta del Mondiale di Formula 1: l’incidente è avvenuto nel tornante Grand Hotel Hairpin (o anche definito Fairmont) del circuito cittadino di Montecarlo.
A cura di Maurizio De Santis
2.025 CONDIVISIONI
La Citroen AMI si ribalta sulle strade del Principato teatro del Gran Premio di Montecarlo.
La Citroen AMI si ribalta sulle strade del Principato teatro del Gran Premio di Montecarlo.

Al volante di una minicar elettrica Citroen AMI come fosse la monoposto di Formula Uno. Chissà cosa passava nella testa dell'incauto conducente che ha rischiato la vita sulle strade del Principato di Monaco per l'incidente avvenuto in una delle curve iconiche del Gran Premio di Montecarlo, il Grand Hotel Hairpin (o anche definito Fairmont, Loews e Vecchia Stazione).

Quella dopo il Mirabeau Haute è stato teatro dello schianto preceduto dallo stridio degli pneumatici sull'asfalto poi deflagrato nel rumore sordo dell'impatto delle lamiere e dei vetri che vanno in frantumi. Per fortuna la persona che era al volante è uscita illesa dall'abitacolo di quella piccola macchina guidata con eccesso di "fiducia" nei confronti delle prestazioni e della tenuta di strada del veicolo.

Il tornante più lento del Mondiale di F1 a Monaco.
Il tornante più lento del Mondiale di F1 a Monaco.

Si tratta di un sedicenne e del passeggero di 22 anni che era accanto a lui: entrambi trasportati al Princess Grace Hospital Center, non sono in condizioni preoccupanti né in pericolo di vita. Se la sono cavata con un grande spavento e lesioni non serie. Il ragazzo poteva guidare quel mezzo? Sì, è un due posti che non richiede patente e si può condurre a partire dai 14 anni e ha una velocità massima di 45 km/h.

Il veicolo scivola sull’asfalto e va a sbattere contro i paletti della carreggiata.
Il veicolo scivola sull’asfalto e va a sbattere contro i paletti della carreggiata.

Per gli appassionati della velocità quei tornanti sono tutto: tradizione, storia, brivido, qualcosa che senti scorrere nelle vene quando il rombo del motore è scandito dal piede che tormenta e accarezza l'acceleratore, dalle marce che scalano, dalla traiettoria che è obbligata e costringe a rallentare.

In quella porzione di tracciato c'è un tornante molto stretto, il Grand Hotel Hairpin: la svolta a gomito è la più lenta del Mondiale di F1. Per affrontarla i piloti devono ruotare il volante verso sinistra per oltre 180 gradi e tenersi sui 50 km/h. Se la prendi male rischi di andare in testacoda oppure di ribaltarti e finire fuori strada.

Nell’auto c’erano un 16enne al volante e un passeggero, 22enne: nessuno ha riportato gravi ferite.
Nell’auto c’erano un 16enne al volante e un passeggero, 22enne: nessuno ha riportato gravi ferite.

È quanto accaduto al conducente che ha sbagliato tempo e velocità di passaggio per effettuare la manovra. Alcuni video circolati in Rete e divenuti virali regalano un brivido che corre lungo la schiena per la sequenza dell'episodio: la vettura di colore grigio, che sembra quasi un giocattolo, prima s'inerpica lungo la curva in salita (e fin qui non ci sono problemi di stabilità) poi la percorre in discesa provocando panico tra le persone che erano in strada e hanno assistito al ribaltamento.

All'imboccatura del tornante il veicolo si impenna di lato sulle ruote di destra, resta in bilico per qualche attimo poi si corica sulla carreggiata e fa ancora qualche altro metro per forza d'inerzia fino a sbattere contro i paletti che delimitano la carreggiata. Non ci sono notizie di persone ferite, nemmeno tra quelle che si trovavano sul marciapiede. E sta bene anche lo sfortunato (e forse improvvido) guidatore che ha scambiato la Ferrari per una twingo… pardon, una Citroen AMI.

2.025 CONDIVISIONI
"Leclerc e Sainz sono il vero problema della Ferrari": piloti sotto accusa dopo Miami
I risultati del 16 maggio all'ATP Roma
I risultati del 16 maggio all'ATP Roma
Alta tensione in Alpine, contattato Mattia Binotto: team principal messo spalle al muro
Alta tensione in Alpine, contattato Mattia Binotto: team principal messo spalle al muro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni