16 Luglio 2021
20:37

L’esultanza polemica di Mohoric al Tour de France: “Chiudete la bocca e state zitti”

Matej Mohoric è il ciclista sloveno della Bahrain che ha vinto la 19a tappa del Tour de France. Al traguardo ha esultato in maniera polemica ma dietro questa reazione c’è un motivo: l’altra notte le camere dell’albergo dove soggiornava il suo team erano state perquisite dalla Gendarmeria francese nell’ambito di un’inchiesta antidoping.
A cura di Maurizio De Santis

Chiudete la bocca e state zitti. Matej Mohoric ha vinto per distacco la diciannovesima tappa del Tour de France e fatto parlare di sé per l'esultanza polemica esibita sul traguardo. Ha tolto la mano destra dal manubrio e, fissando la telecamera, mimato il gesto della cerniera serrando labbra e portandosi il dito dinanzi alla bocca. Silenzio, parlano i risultati sembra dire con orgoglio mentre indica la scritta sulla maglia con il nome della squadra per la quale corre. Perché il ciclista sloveno ha compiuto questo gesto? Dietro questa reazione c'è un motivo: l'altra notte le camere dell'albergo dove soggiornava il suo team (Bahrain) erano state perquisite dalla Gendarmeria francese nell'ambito di un'inchiesta antidoping.

Cosa cercavano gli agenti? È un indagine che va avanti da tempo e ha puntato i riflettori sulle prestazioni ritenute sospette di alcuni concorrenti della squadra. Grandi risultati ottenuti negli ultimi mesi accompagnati dai ‘sussurri' che gli inquirenti hanno deciso di spazzare via facendo chiarezza sulle performance degli atleti. "Non abbiamo nulla da nascondere" e ancora "gli agenti non hanno trovato niente" le voci di dentro della Bahrain che ha reagito in maniera stizzita rispetto a tanta pubblicità negativa. "Non contesto i controlli, ma il modo in cui sono stati effettuati – è stata la versione di Mohoric che, a caldo, ha commentato il suo gesto -. È frustrante e spiacevole vedere un poliziotto entra nella tua stanza, la perquisisce e inizia a farti domande. Ti prendono i telefonini  e vedono tutto… anche le tue foto personali, quelle con la tua famiglia. E questa cosa non i piace affatto".

Com'è andata la gara. Mohoric ha conquistato la frazione odierna in rimonta e per distacco. A 37 km dall'arrivo Bonnamour, Gesbert e Rutsch piazzano l'allungo e sembrano ridurre a loro tre il duello per la vittoria della tappa. È solo un'illusione perché la pedalata di Mohoric è intesa, ha un ritmo tambureggiante e gli permette di riprendere i fuggitivi. A 25 km dall'arrivo lo sloveno è riuscito a prendere un buon vantaggio (oltre i 40 secondi), gestendolo in maniera agevole anche perché alle spalle il resto molla la presa. È il secondo successo dopo la tappa più lunga di inizio luglio.

Sonny Colbrelli campione d'Europa nel ciclismo su strada: continua l'anno magico dell'Italia
Sonny Colbrelli campione d'Europa nel ciclismo su strada: continua l'anno magico dell'Italia
Gesto dell'ombrello all'arrivo, Evenepoel frustrato da Colbrelli: "Vincono sempre gli italiani"
Gesto dell'ombrello all'arrivo, Evenepoel frustrato da Colbrelli: "Vincono sempre gli italiani"
Ganna è campione del mondo, ma il piatto piange: il premio per la vittoria nella crono è irrisorio
Ganna è campione del mondo, ma il piatto piange: il premio per la vittoria nella crono è irrisorio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni