Giro d'Italia 2022
9 Maggio 2021
18:36

La volata sbagliata di Elia Viviani: non è il traguardo volante ma l’arco dei 40km

La seconda tappa del Giro d’Italia da Stupinigi a Novara ha visto trionfare il belga della Alpecin-Fenix, Tim Merlier, in volata. Successo davanti agli italiani Nizzolo e Viviani. Quest’ultimo è stato beffato sia all’arrivo sia al primo sprint volante del Giro, quando ha battuto in velocità Gaviria ma confondendo il traguardo con l’arco che indicava i 40km all’arrivo.
A cura di Alessio Pediglieri
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Giro d'Italia 2022

Il Giro d'Italia 2021 ha concluso anche la sua seconda tappa in programma, dedicata ai velocisti, che non ha riservato sorprese. A imporsi è stato il 28enne della  Alpecin-Fenix, Tim Merlier con una volata nel finale che ha messo in riga tutti gli avversari, con Nizzolo e Viviani che si sono dovuti accontentare delle immediate posizioni di rincalzo. Un tracciato da 179 chilometri che ha traslocato la carovana rosa da Stupinigi a Novara e che non ha ha creato smottamenti in classifica generale con il nostro Ganna (della Ineos Granediers) a controllare la tappa e a vestirsi nuovamente di Rosa.

Giornata però un po' più amara rispetto agli altri per Elia Viviani, della Cofidis che si è visto battere in volata per ben due volta in questa seconda tappa del 104° Giro d'Italia. Il velocista di Verona ha dovuto accettare la sconfitta al traguardo dopo aver provato a superare Merlier, con il belga capace di dare lo strappo decisivo nel momento giusto e vincere la sua prima tappa al Giro.

Per Elia Viviani tentativo fallito e terzo posto finale, spalla a spalla con un altro italiano, Giacomo Nizzolo, coetaneo di Viviani ma che corre per i colori del  Team Qhubeka Assos. Il due volte campione nazionale in linea si è preso la posizione d'onore dietro Merlier lasciando a Viviani il secondo boccone amaro di giornata.

Lo sprint volante che ha ingannato Gaviria, Viviani, Pasqualon e Sagan

Perché il velocista della Cofidis era stato beffato anche sul primo traguardo volante, quando in testa al gruppo ha provato a guadagnare punti importanti in una volata dove però ha dovuto cedere ancora una volta. Proprio sul traguardo volante è però accaduto l'inimmaginabile per dei ciclisti professionisti.

In quattro si sono presentati in testa al plotone per prendersi i punti che restavano dopo lo scatto a due di Tagliani e Marengo: Gaviria, Viviani, Pasqualon e Sagan. Obiettivo, lo sprint volante di giornata, peccato però che quando i quattro sono scattati sui pedali, l'arco che credevano fosse il traguardo era semplicemente l'avviso dei 40 chilometri all'arrivo. Così, Viviani che era scattato al momento opportuno vincendo il primo sprint (inutile), alzatosi sui pedali si è visto passare Gaviria che  – senza dover spingere – si è preso i punti del traguardo volante. E' la seconda tappa in cui i ciclisti incappano in un errore da dilettanti: nella crono di Torino era toccato a Sanchez forare e ritrovarsi con una bici sbagliata datagli dall'amiraglia Astana.

65 contenuti su questa storia
Giro d'Italia 2023, tappa a Napoli l'11 maggio: Piazza Plebiscito si tinge di rosa
Giro d'Italia 2023, tappa a Napoli l'11 maggio: Piazza Plebiscito si tinge di rosa
Giro d'Italia 2023, Napoli spenderà 10 milioni per rifare le strade
Giro d'Italia 2023, Napoli spenderà 10 milioni per rifare le strade
Jai Hindley vince il Giro d'Italia 2022, nel finale di Verona c'è gloria anche per l'azzurro Sobrero
Jai Hindley vince il Giro d'Italia 2022, nel finale di Verona c'è gloria anche per l'azzurro Sobrero
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni