27 Settembre 2021
18:30

La confessione di Ullrich ad Armstrong: “Ero sulla stessa strada di Pantani, quasi morto”

Jan Ullrich ha parlato all’interno del podcast di Lance Armstrong ‘The Movie’. I due ex ciclisti, hanno trascorso l’ultimo weekend insieme a Maiorca. L’occasione per parlarsi e soprattutto raccontarsi. Proprio durante la diretta, il tedesco ha pronunciato frasi molto forti riguardanti il suo passato: “Ero sulla stessa strada di Pantani, quasi morto”.
A cura di Fabrizio Rinelli

Jan Ullrich e Lance Armstrong insieme a Maiorca a pedalare come due vecchi amici. Negli anni i due hanno infatti maturato un rapporto di grande amicizia e stima reciproca. Difficile a credersi fino a qualche anno fa, quando i due si sfidavano salita dopo salita nei vari tornei di ciclismo mondiale. Dal Tour de France a tante altre sfide fra due grandi corridori che negli anni hanno però dovuto fare i conti con cose ben più gravi. Da una parte l'americano, costretto a vedere revocati i sette Tour de France per l'utilizzo di sostanze dopanti, dall'altra il tedesco, che nel 2018, dopo la separazione dalla moglie e l'allontanamento dei figli, è stato ricoverato in una clinica psichiatrica. 

Un periodo di certo non facile per Ullrich che è apparso comunque sorridente e spensierato a Maiorca in una paio di scatti pubblicati su Instagram proprio in compagnia di Lance Armstrong. I due si sono ritrovati nell’ultimo fine settimana proprio nella maggiore delle Isole Baleari, a pedalare assieme in compagnia anche di George Hincapie e lo storico d.s. e mentore di Lance, Johan Bruyneel, anche lui condannato dall’antidoping. È stata l'occasione per rivedersi, raccontarsi, parlare del presente e del futuro, ma anche di ricordare tristemente il passato. Ullrich, a distanza di tempo, ha infatti parlato del suo attuale stato di salute nel podcast di Armstrong, ‘The Movie'. 

Le parole di Ullrich: "Ora sto molto meglio"

L'ex campione del ciclismo tedesco ha raccontato alcuni fasi tra le più difficili della sua vita. "Tre anni fa sono stato molto male – ha detto ad Armstrong prima di pronunciare una frase davvero molto forte – Quando sei venuto a trovarmi ero sulla stessa strada di Marco Pantani, quasi morto". Nel corso della diretta, Ullrich ha raccontato di essersi poi riuscito a riprendere solo solo grazie agli amici: "Ora sto molto meglio". 

Il tedesco ha vissuto gli ultimi anni al centro di alcune vicende che l'hanno visto protagonista in negativo. Nel 2018 annunciò di avere un problema di droga e di essersi sottoposto ad alcuni trattamenti. Poco prima poi, fu arrestato per una discussione a Maiorca con l'attore e regista tedesco Til Schweiger che in quel periodo era il suo vicino di casa. "Ora il mio cervello è pulito e mi sento in forma – ha detto nel corso della sua dichiarazione – Ho dormito tre anni e avevo bisogno di tempo per me stesso".

Armstrong in quel momento risponde alle frasi pronunciate da Ullrich: "Ora siamo qui ed è quello che conta di più – riferisce il 50enne ex ciclista americano – Tutti abbiamo passato momenti brutti e in modo diverso". Oggi Ullrich ha definitivamente voltato pagina: "Mi alleno ogni giorno, mangio sano e ho anche ripreso a pedalare". L'ex ciclista tedesco dovette dire addio all’agonismo per il coinvolgimento nell'inchiesta ‘Operación Puerto', in un filone legato a pratiche illecite dopanti.

Attraverso il proprio profilo social di Instagram, è stato lo stesso Lance Armstrong a voler dedicare una frase a Ullrich. "Impossibile esprimere a parole cosa significhi per me (e per milioni di altri) vedere quest'uomo TORNARE E IN SALUTE! Sono così orgoglioso di te campione e so solo che ti amo profondamente e che ti coprirò SEMPRE le spalle".

Caso Pantani, la Procura di Rimini apre per la terza volta un'inchiesta sulla sua morte
Caso Pantani, la Procura di Rimini apre per la terza volta un'inchiesta sulla sua morte
Spinazzola pronto per il rientro: "Ora mi sento un leone". È la fine di un infortunio da incubo
Spinazzola pronto per il rientro: "Ora mi sento un leone". È la fine di un infortunio da incubo
Pozzato dal reparto Covid: "Vaccinatevi il prima possibile, io sono uno che non si ammala mai"
Pozzato dal reparto Covid: "Vaccinatevi il prima possibile, io sono uno che non si ammala mai"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni