Olimpiadi Tokyo 2020
24 Luglio 2021
12:13

Cos’è lo spirito olimpico: lo sprint tra compagni di squadra per conquistare l’82° posto

Tobias Halland Johanssen e Andreas Leknessund hanno dato prova di enorme sportività nella gara su strada di ciclismo. I due atleti norvegesi hanno dato vita a una volata per l’82° posto. I due ciclisti norvegesi sono arrivati in ritardo di quasi 20 minuti e hanno chiuso al quartultimo e al terzultimo posto, ma nonostante ciò fino all’ultimo hanno battagliato.
A cura di Alessio Morra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

L'ecuadoriano Richard Carapaz ha vinto la medaglia d'oro di ciclismo su strada alle Olimpiadi di Tokyo, un grande successo quello di Carapaz che ha piegato i favoriti Van Aert e Pogacar, secondo e terzo. Ma altrettanto straordinari sono stati due ciclisti norvegesi Tobias Halland Johanssen e Andreas Leknessund che hanno dato vita allo sprint per l'82esima e l'83esima posizione. Fenomenali. I due ciclisti hanno dato vita a una vera e propria manifestazione enorme di sportività e l'hanno fatta vedere sul rettilineo del circuito del Fuji, dove si è svolta la gara di ciclismo.

Lo sprint di Johanssen e Leknessund

Lo sport quello vero, quello bello, vive di queste scene, che non sono però così scontate. Alle Olimpiadi dovrebbe esserci la massima espressione della sportività e le parole di De Coubertin le hanno tenute in mente questi due norvegesi Halland Johannessen e Leknessund che sono arrivati in ritardissimo al traguardo, quasi venti minuti dopo Carapaz. Un'eternità in una gara di ciclismo. Ma nonostante il risultato mediocre hanno voluto dar vita a una sfida interna e hanno onorato fino all'ultimo secondo la competizione dando vita alla volata, in palio c'era l'82esimo posto, che sulla carta non poteva far passare alla storia né l'uno né l'altro. E invece si meritano un premio e tanti applausi. La volata l'ha vinta Halland Johanessen che ha conquistato la posizione migliore.

I due norvegesi nelle ultime posizioni della classifica

Una gara che era stata particolarmente sfortunata per Leknessund, giunto 83esimo, che in avvio, ahi lui, era stato costretto a cambiare la bicicletta a causa di un problema tecnico e con la bici di riserva ha dovuto completare i 234 chilometri. E, tra l'altro a causa di tantissimi ritiri, i due norvegesi sono arrivati ufficialmente al quartultimo e al terzultimo posto. Perché al traguardo sono giunti solo 85 atleti.

467 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni