82 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Caso scommesse nel calcio

Spalletti racconta il trauma dell’inchiesta sulle scommesse: un episodio lo ha segnato profondamente

Alla vigilia di Inghilterra-Italia, il ct è tornato sul caso e spiegato come il gruppo ha incassato il colpo: “Ci siamo ritrovati con le autorità venute a prendere i ragazzi fin quasi dentro lo spogliatoio”.
A cura di Maurizio De Santis
82 CONDIVISIONI
Il c della Nazionale, Spalletti, è tornato sul caso delle scommesse e di come il gruppo Azzurro l'ha vissuto.
Il c della Nazionale, Spalletti, è tornato sul caso delle scommesse e di come il gruppo Azzurro l'ha vissuto.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'arrivo degli inquirenti nel ritiro della Nazionale. È una cosa che Luciano Spalletti, e gli stessi calciatori, difficilmente dimenticheranno. Quando hanno bussato alle porte di Coverciano per parlare con Nicolò Zaniolo e Sandro Tonali la situazione s'è fatta davvero pesante.

Il coinvolgimento nel caso scommesse è arrivato dopo che la Procura di Torino, nell'ambito di un'inchiesta sul giro di soldi e di giocate piazzate su piattaforme illegali, è risalita a Nicolò Fagioli, primo dei calciatori emersi e indagati. La sua disponibilità a collaborare, le dichiarazioni rese (e sulla quale sono stati reperiti riscontri), l'audizione in Procura federale e il ricorso a un aiuto specialistico per superare la ludopatia hanno preparato il terreno affinché la sua posizione si esaurisse in poco tempo e con un forte sconto.

Riceve sette mesi di squalifica e una serie di prescrizioni alternative che consistono nella "partecipazione a un piano terapeutico della durata minima di 6 mesi e a un ciclo di almeno 10 incontri pubblici, da svolgersi nell’arco di 5 mesi, presso associazioni sportive dilettantistiche, centri federali territoriali, centri per il recupero dalla dipendenza dal gioco d’azzardo, e comunque secondo le indicazioni e il programma proposti dalla FIGC".

Nazionale in Inghilterra per il match di qualificazione a Euro 2024.
Nazionale in Inghilterra per il match di qualificazione a Euro 2024.

Il caso del centrocampista juventino è solo una parte della questione. E Spalletti, nell'immediata vigilia di Inghilterra-Italia, ha raccontato quali sono stati gli effetti e le ripercussioni della situazione all'interno del gruppo Azzurro. L'immagine dei calciatori che fanno quadrato e, incoraggiati da Buffon, si caricano a vicenda ha sicuramente una bella resa scenica ma quel che c'è dietro è tutto nelle parole del ct.

"Questa disavventura è una cosa che ci fa male – ha ammesso il ct – e i ragazzi stessi eran distrutti. Abbiamo vissuto la situazione come un un trauma perché poi ci siamo ritrovati con le autorità venute a prendere i ragazzi fin quasi dentro lo spogliatoio". E se il presidente federale Gravina ha parlato di mano tesa a questi ragazzi che sbagliano e vanno recuperati, lo stesso Spalletti ribadisce il concetto: "Noi abbiamo l'obbligo di andare avanti, tenere in considerazione se avranno poi una reazione corretta a quello che gli è successo e di conseguenza riportarli dentro perché sono dei calciatori forti". 

Il valore del gruppo, della coesione e del calore umano ritorna nei concetti di Spalletti anche in un altro momento: "Abbiamo avuto una giornata intera da quando li abbiamo salutati la mattina e, il giorno dopo, siamo andati ad abbracciarli prima che tornassero ai loro club e alle loro abitazioni".

82 CONDIVISIONI
133 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views