Le Qualificazioni ai Mondiali del 2022 sono iniziate in tutto il mondo, fuorché in Europa. Sarebbe stato così anche senza il Coronavirus. Ma ora le nazionali del Vecchio Continente si troveranno in una situazione particolare perché nel giro di pochi mesi disputeranno incontri ufficiali di Nations League, gli Europei del 2020 (tra giugno e luglio 2021) e le Qualificazioni a Qatar 2022, per la prima volta i Mondiali si terranno d’inverno. La Uefa ha stabilito che il prossimo 7 dicembre si terrà il sorteggio dei gironi di Qualificazione per l’Europa. Dunque giornata campale quella per scoprire se gli azzurri avranno un girone abbordabile o terribile.

Quando ci sarà il sorteggio delle qualificazioni ai Mondiali 2022

La Uefa dunque ha deciso. Il 7 dicembre prossimo, un lunedì, alle ore 18 si terrà il sorteggio dei gironi di Qualificazione ai Mondiali del 2022. Non ci saranno i rappresentati delle varie nazionali. A Zurigo saranno presenti, e distanziati, solo quelli che dovranno creare i 10 raggruppamenti.

Come funziona il sorteggio

In Svizzera verranno formati 10 gironi. Le nazionali europee sono 55 e quindi verranno creati 5 gruppi da 6 squadre e 5 gruppi da 5 squadre. Le quattro nazionali che si qualificheranno per la Final Four della Nations League sicuramente finiranno nei gruppi da 5 squadre. Questo non è detto che sia un bene. Perché ci sono meno partite da giocare e uno scivolone può costare caro. Le 10 squadre che vinceranno i gironi andranno direttamente al Mondiale. Tutte le seconde classificate disputeranno gli spareggi a cui si aggiungeranno anche due squadre escluse non incluse tra le prime e le seconde classificate dei gironi che verranno scelte, secondo dei parametri precisi, tra quelle che hanno disputato la Nations League.

Italia testa di serie

Dopo l’ultimo turno di Nations League e le amichevoli del mese di novembre verrà stilata la classifica FIFA. Da quella del 26 novembre verrano stabilite teste di serie e fasce. L’Italia di Mancini è al 12° posto nel Ranking e a meno di clamorosissime sorprese sarà inclusa tra le teste di serie. Perché davanti agli azzurri ci sono anche una serie di nazionali non europee (Brasile, Uruguay, Argentina, Colombia e Messico). Quindi l’Italia in questo momento è la settima nazionale europea. Ma per evitare rischi sarebbe utile non avere big storiche in seconda fascia, e sono a rischio in questo momento Germania e Olanda.