Dobbiamo separare i momenti, non abbiamo iniziato bene l'anno, poi abbiamo recuperato con 3 vittorie consecutive e abbiamo passato il turno in Europa League. Dopo la Sampdoria, abbiamo perso col Milan. Esiste un problema su cui stiamo lavorando per cambiare. Qui le sconfitte sono molto pesanti e la squadra ha difficoltà a recuperare dopo una sconfitta. Abbiamo perso col Napoli, ma la squadra ha dato segnali che sta recuperando e domani credo che farà meglio.

Sono queste le parole che ha utilizzato Paulo Fonseca per presentare la gara che vedrà la Roma opposta al Parma allo stadio Olimpico domani sera alle ore 21.45. Il tecnico portoghese, nella consueta conferenza stampa della vigilia, ha parlato dello stato di forma della sua squadra e ha escluso un legame con le notizie riguardanti il passaggio di proprietà del club. Dopo la sconfitta contro il Napoli, terza sconfitta consecutivo per i giallorossi, domani Dzeko e compagni sono chiamati ad una prova d'orgoglio contro la squadra di D'Aversa all'Olimpico.

Il bilancio nel 2020 della Roma è davvero disastroso e a chi gli chiede se tra le varie cose che non hanno sono andate bene c'è la crescita di alcuni giocatori, come Under e Kluivert, Fonseca risponde così: "Non è giusto in questo momento parlare solo di due giocatori, tutti noi dobbiamo fare meglio, non solo questi due giovani. Tutta la squadra, tutti noi abbiamo capacità per fare meglio".

Dopo il cambio di modulo di Napoli, passaggio dalla difesa a 4 a quella a 3, c'è la possibilità di vedere Cristante come centrale del reparto arretrato: "Se giocheremo con questo sistema, Cristante può essere una possibilità. Ha giocato in questa posizione in questa stagione. Contro il Parma, anche per la qualità all'inizio della costruzione, se giocheremo con questo sistema può essere una soluzione".

A chi gli chiede se la crisi di risultati è riconducibile ad un ritardo dal punto di vista atletico rispetto agli avversari Fonseca risponde secco: "No, ho sempre detto che secondo me non è un problema fisico".

Fonseca: Zaniolo non può giocare dal 1′

Infine arrivano le domande su Nicolò Zaniolo, che domenica è tornato in campo dopo il brutto infortunio contro la Juventus di gennaio. Il calciatore giallorosso è stato inserito a 24′ dalla fine ed è stato chiesto al tecnico se fosse il cambio giusto vista la lunga assenza e il delicato momento del match: "Se era con noi, significa che era pronto per giocare. Ha giocato il tempo giusto, non può giocare più di 30 minuti. Ha giocato bene, è vero che non sta nella miglior condizione fisica".

Sempre sul giovane trequartista, Fonseca ha chiuso le porte ad un eventuale impiego dall'inizio: "No, secondo me. Non dobbiamo dimenticare quanto tempo è stato infortunato. Serve attenzione".