Il ritorno di Stefan de Vrij all'Olimpico, in casa della Lazio, è andato come era prevedibile aspettarsi. Il calciatore olandese dell'Inter, protagonista della sfida ad alta quota valida per il posticipo della 24ª giornata di Serie A, è stato accolto da bordate di fischi ad ogni tocco del pallone e da diversi cori offensivi. Il risentimento da parte della tifoseria biancoceleste risale ai tempi del suo passaggio all'Inter nel 2018.

Perché i tifosi della Lazio fischiano de Vrij

I tifosi della Lazio sono contrariati nei suoi confronti non solo per il trasferimento a parametro zero dalla Lazio all'Inter, ma per la sua performance nell'ultima partita con la maglia biancoceleste, in quello spareggio Champions del maggio 2018 proprio contro i nerazzurri, che già avevano depositato il pre-contratto firmato dal difensore. In quella circostanza, in seguito ad una settimana di polemiche preventive sul tema, de Vrij non giocò come ai suoi livelli e si rese colpevole del fallo da rigore commesso su Icardi per il momentaneo 2-2. La partita terminò poi 2-3 per i nerazzurri, che si qualificarono per la successiva Champions League). Fu quello l'ultimo atto dell'avventura di de Vrij con la maglia della Lazio. Un epilogo che i tifosi biancocelesti non hanno evidentemente dimenticato.

Lo scorso anno il difensore olandese saltò la trasferta contro la Lazio a causa di un problema muscolare (che lo tenne ai box anche per le successive due partite di campionato). Anche il presidente Lotito, in passato, si è espresso con toni molto duri sul quel Lazio-Inter giocato da de Vrij, diventato ormai celebre.

"Le responsabilità di quel Lazio-Inter sono di tutti, in primis mie perché avrei dovuto intervenire prima. Abbiamo perso la partita per de Vrij che io non avrei fatto giocare. Lo staff mi aveva rassicurato sulla sua professionalità, io lo avevo detto che non avrebbe dovuto giocare".