Radja Nainggolan è pronto a tornare nuovamente al Cagliari. Riabbraccerà il club sardo in quella che sarà la sua terza avventura in maglia rossoblù. Un prestito secco con metà dell'ingaggio pagato dall'Inter. È questa la formula che ha permesso ai nerazzurri di trovare l'accodo con il presidente Giulini per portare in Sardegna uno dei giocatori che lo scorso anno, per un certo periodo di tempo, ha fatto sognare l'Europa alla squadra oggi allenata da Di Francesco. Oggi subito visite mediche a Villa Stuart per il giocatore che si è presentato sereno e tranquillo in vista di questa sua nuova avventura a Cagliari.

Con l'Inter ha giocato pochissimo in stagione e Conte non l'ha quasi mai tenuto in considerazione (5 presenze per 45′ complessivi) se non per qualche minuto a gara in corso. Nessun rimpianto per il giocatore che prima di sottoporsi alle visite mediche non è sembrato poi così provato di lasciare i nerazzurri: "Non ho avuto la possibilità all'Inter, pazienza". Il netto commento del Ninja all'esterno della clinica, primo step verso il suo passaggio al Cagliari che però lo stesso giocatore non ha dato ancora dare per certo, per sicurezza, specie in virtù di quanto accaduto la scorsa estate: "Non è ancora ufficiale".

Visite mediche per Radja Nainggolan a Villa Stuart con il Cagliari

Prime parole di Nainggolan da ormai quasi giocatore del Cagliari. Un ritorno per il belga che vivrà la sua terza avventura in Sardegna. Un accordo che sembrava potersi concretizzare già la scorsa estate ma che invece è saltato proprio nelle ultime ore. Pochi mesi all'Inter per il Ninja, giusto il tempo di avere la conferma che Conte non avrebbe mai puntato su di lui, per tornare nuovamente a parlare del suo trasferimento al Cagliari. Ancor prima del 2021, ecco l'accordo fulmineo trovato tra le parti.

Il giocatore passerà al club di Giulini in prestito secco con metà dell'ingaggio pagato dall'Inter in questi 6 mesi. Ogni altro tipo di discorso circa una vendita definitiva del suo cartellino ai sardi, sarà rimandato alla prossima estate, quando il giocatore sicuramente non vorrà di nuovo rivivere l'esperienza di passare per forza prima dall'Inter. "Sono contento di tornare – ha detto il Ninja ribadendo come l'affare non sia ancora ufficiale – Nessun rimpianto in nerazzurro, mi sono messo a disposizione ma non ho avuto la possibilità, pazienza".