Un gol annullato a Gonzalo Higuain, perché in posizione di fuorigioco, e tre calci di rigori reclamati dalla Juventus. Due, invece, i penalty concessi a inizio ripresa: il primo in favore della ‘vecchia signora' dopo la on-field-review, quando la gara era ancora ferma sullo 0-0; il secondo per un fallo di mano di de Ligt, sul quale l'arbitro non ha avuto alcun dubbio. Sono questi gli episodi da moviola che hanno caratterizzato la partita giocata al Via del Mare di Lecce, anticipo della nona giornata di campionato. Giusta la decisione del direttore di gara di non concedere il vantaggio dei bianconeri, altrettanto giuste anche le decisioni su almeno due delle azioni contestate. Ma sarà nella ripresa che avverranno i casi più discutibili. Ecco cosa è successo nella sfida tra i giallorossi pugliesi e la squadra di Maurizio Sarri.

Annullato il gol a Higuain, partito in fuorigioco

L'avvio di match di marca bianconera. Al 15° la Juventus si porta anche in vantaggio ma l'arbitro Valeri di Roma (coadiuvato al Var da Pasqua) decide di non assegnare la rete all'argentino. Dalle immagini alla moviola si nota come l'attaccante sia al di là dei difensori del Lecce e in posizione di offside su cross di Alex Sandro.

La Juventus chiede 3 rigori, dubbio il contatto su Emre Can

Tre azioni nell'area di rigore del Lecce sollevano le proteste da parte della Juventus. Una in particolare quella che determina le maggiori obiezioni e succede dopo pochi minuti dall'inizio dell'incontro. È il 5° minuto quando Emre Can va a terra in area dopo un contatto con Tachtsidis. Il direttore di gara è indeciso e si consulta col Var: il tempo di un check con i collaboratori poi lascia correre. Al 12° Danilo cade in area dopo un contrasto con Calderoni, anche in questo caso Valeri ritiene non vi siano gli estremi per la massima punizione. Sarà così anche al 42°, questa volta il protagonista è Bernardeschi: su cross di Danilo sembra leggermente trattenuto dall'avversario ma per Valeri l'episodio è ininfluente.

Penalty concesso alla Juventus dopo la on-field-review

Al 48° Petriccione entra in scivolata per rimpallare il tiro di Pjanic: interviene in scivolata, tocca la palla e anche il bosniaco sullo slancio. Valeri inizialmente non assegna il rigore poi modifica la propria decisione quando, richiamato dal Var, va alla on-field-review. Per il fischietto romano è penalty tra le proteste del Lecce.

Matthijs de Ligt, tocco di mano: Valeri dà il rigore al Lecce

Dopo la gara col Bologna Matthijs de Ligt è ancora protagonista di un episodio controverso (gli era già successo nel finale della sfida col Bologna): il difensore olandese interviene a braccia larghe su un cross in area non toccato da Babacar e col braccio sinistro tocca la palla. Valeri indica subito il tiro dal dischetto, confortato anche dal parere dei collaboratori al silent-check.